Cronaca

Autostrade, il grande esodo estivo a rischio paralisi | De Rosa (Smet): “Non sono più tollerabili continue interruzioni stradali”

Esodo estivo e cantieri, l'allarme di Domenico De Rosa: “Non sono più tollerabili le continue interruzioni stradali"

La grande presenza di cantieri sulle autostrade italiane rischia di bloccare l’esodo estivo in vista delle ferie di agosto. Una situazione insostenibile secondo Domenico De Rosa, Ceo di Smet Group, quando si avvicina il periodo più “caldo” dell’anno per quanto riguarda la circolazione autostradale.

Esodo estivo e cantieri, l’allarme di Domenico De Rosa

“Non sono più tollerabili le continue interruzioni stradali per cantieri fantasma ed infiniti” ha commentato Domenico De Rosa. Già dallo scorso anno infatti per gli utenti, la prima preoccupazione sono cantieri e restringimenti. Crolli e inchieste giudiziarie li hanno fatti proliferare, per rimediare ad anni di manutenzioni omesse o carenti (con annessi profitti altissimi dei gestori): ora troppi lavori vanno fatti subito e tanti controlli rivelano problemi che portano a limitazioni di transitabilità non programmate.

domenico-de-rosa-smet-appello-infrastrutture
Domenico De Rosa, Ceo di Smet Group

La mappa dei cantieri

Così, ai soliti tratti che vanno in crisi per l’enorme volume di traffico dell’esodo estivo, se ne sono aggiunti altri la cui portata è diminuita da cantieri e restringimenti. La cartina in allegato riporta solo questi ultimi. Sono state considerate solo le autostrade. Sia per semplicità sia perché raramente la viabilità ordinaria è un’alternativa davvero valida: su quasi tutti i principali assi è insufficiente e le sue condizioni di manutenzione sono quasi sempre peggiori rispetto alle autostrade. Va però detto che l’Anas dal 23 luglio al 5 settembre chiude 435 dei circa 800 cantieri sulla sua rete.


LA MAPPA COMPLETA DE IL SOLE 24 ORE


In galleria è peggio

Nel leggere la cartina, attenzione quando si citano gallerie: di solito è qui che si presentano le situazioni più critiche. Prima di tutto perché non ci sono le corsie di emergenze (ogni minima avaria può provocare un incidente, occhio alla distanza di sicurezza, tanto più che suv e camper ingombrano la visibilità in lontananza per chi guida una vettura “normale”) e i restringimenti di carreggiata sono in media più lunghi e a una corsia.

Articoli correlati

Back to top button