L’italia sceglie la linea della prudenza e mantiene in vigore la quarantena per tutti i cittadini provenienti dai paesi extra Schengen

europa-frontiere-aperte-italia-quarantena-cittadini-extra-ue

Da domani le frontiere dell'Europa saranno aperte, ma non per tutti. L'italia, comunque, sceglie la linea della prudenza e mantiene in vigore la quarantena

Da domani le frontiere dell’Europa saranno aperte, ma non per tutti. L’italia, comunque, sceglie la linea della prudenza e mantiene in vigore la quarantena per tutti i cittadini provenienti dai paesi extra Ue.

Frontiere aperte in Europa, in Italia quaratena per i cittadini extra Ue

L’ordinanza, firmata dal ministro della Salute Roberto Speranza, servirà ad evitare l’apertura dei confini ai cittadini di quei Paesi ai quali l’Unione Europea ha negato l’ingresso, tra questi Stati Uniti e Brasile.

L’ordinanza

“L’italia sceglie la linea della prudenza e mantiene in vigore l’isolamento fiduciario e la sorveglianza sanitaria per tutti i cittadini provenienti dai paesi extra Schengen. La misura si applica nel nostro Paese anche ai cittadini dei 14 Paesi individuati dall’Ue nella “lista verde”, da e per i quali ci si può muovere liberamente da domani”, si legge nell’ordinanza.

I Paesi “sicuri”

L’Unione ha stilato una lista dei Paesi ritenuti sicuri, questo elenco verrà aggiornato ogni 2 settimane. I paesi inseriti nella lista verde sono Algeria, Australia, Canada, Georgia, Giappone, Montenegro, Marocco, Nuova Zelanda, Ruanda, Serbia, Corea del Sud, Tailandia, Tunisia e Uruguay. La Cina verrà inserita nell’elenco Ue solo se garantirà la reciprocità all’Europa.

I Paesi esclusi

La lista europea non è vincolante, visto che la decisione sui confini esterni è di competenza nazionale, fuori dalla lista Stati Uniti, Russia e Brasile.

TAG