Cronaca

Le Italiane in Europa: tutto ancora da decidere per la finale

Giovedì di coppe europee che ha visto le tre italiane giocarsi le semifinali di Europa e Conference; L’Atalanta di Gasperini ha pareggiato per 1-1 contro il Marsiglia, la Roma è caduta in casa per 0-2 contro il Bayern Leverkusen, squadra che si è appena confermata come campione di Germania. Infine nella semifinale di Conference, la Fiorentina vince all’ultimo respiro per 3-2 contro il Club Brugge.

Europa: il racconto delle partite

Match subito in discesa per gli uomini di Gasparini che all’ 11′ aprono le marcature con Scamacca, che nelle ultime partite, soprattutto quelle europee, ha sempre fatto gol per i suoi. Dopo solo 9 minuti, Mbemba mette i conti in parità e chiude il primo tempo sull’ 1-1. Nel secondo tempo le due squadre non si fanno male e lasciano il verdetto alla partita che si giocherà martedì 9 maggio al Gewiss Stadium.

L’Atalanta soffre e sa soffrire, ma cercherà la finale tra le mura amiche. Discorso diverso per la Roma; un gol per tempo permette ai tedeschi di portare il risultato positivo a casa, con un ritorno da giocare tra le mura amiche.

Wirtz segna al 28′ e Andrich chiude il match al 73′. Prestazione negativa da parte dei giallorossi, in particolare la prestazione di Karsdrop che alla sua uscita dal campo è stato fischiato dal pubblico dell’Olimpico, rispondendo con un applauso provocatorio, che non è piaciuto a De Rossi. Occasioni anche per la Roma che 21′ vede Lukaku prendere in pieno la traversa, e al 42′ Pellegrini tira ma il pallone esce di poco, dando l’illusione del gol a tutti i presenti allo stadio.

Europa: la Fiorentina segna all’ultimo respiro

Discorso diverso per la Fiorentina, che allo scadere trova il gol del 3-2 che da speranza per il passaggio del turno; una vera e propria partita di botta e risposta tra le due squadre. Sottil dopo solo 5 minuti segna l’1-0, ma al 17′ Biraghi compie un fallo di mano in area e il Club Brugge riapre la partita con il rigore segnato al 17′ da Hans Vanaken; ma i viola non ci stanno e Belotti chiude il primo il tempo sul 2-1.
Il secondo tempo vede la squadra Belga giocare in 10 uomini; Onyedika dopo i due cartellini gialli esce anzitempo dal campo.

Ma la squadra di Ronny Deila non si arrende e al 63′ pareggia i conti, con Igor Thiago, fino al 91′ dove Nzola, appena entrato in campo segna per i suoi. La finalista si deciderà mercoledì 8 maggio in casa del Club Brugge.

Articoli correlati

Pulsante per tornare all'inizio