CronacaScienza e Tecnologia

Facebook down, oggi il social network non funziona | COSA SUCCEDE

Facebook down, perché oggi non funziona: cosa succede: cosa succede all'app del social network. Segnalazioni in tutta Italia

Perché oggi Facebook non funziona? Un vero e proprio Facebook down è stato registrato nella mattinata di oggi, mercoledì 20 ottobre, da migliaia di utenti che stanno riscontrando problemi sia nell’accedere all’app del social network che alla versione desktop.


FACEBOOK DOWN, GLI AGGIORNAMENTI IN DIRETTA


Facebook down, perché oggi non funziona: cosa succede

Sugli altri social network, in particolar modo Twitter, è partita la furia degli utenti che stanno segnalando il Facebook down di oggi. Migliaia di utenti non riescono ad aggiornare il feed, altri non riescono a vedere e a caricare le foto e – soprattutto – a visualizzarle. Un mal funzionamento che riguarda l’Italia ma anche molti altri paesi europei.


facebook-down-non-funziona-oggi-perche-20-ottobre-cosa-succede


Dunque sono migliaia le segnalazioni di Facebook down, registrate a partire dalla mattinata di mercoledì 20 ottobre. maggiori problemi riguardano l’accesso all’app, sia per quanto concerne la versione mobile che quella desktop, ovvero da pc.

Perché Facebook non funziona

Ad ora Facebook non ha ancora fornito motivazioni ufficiali in merito al mal funzionamento dell’app nella giornata di oggi, mercoledì 20 ottobre. Negli ultimi mesi è accaduto già diverse volte, con mal funzionamenti che hanno riguardato anche altre app del gruppo Facebook, tra cui anche WhatsApp.

Cos’è Facebook, le origini e la storia

Inizialmente la società si chiamava TheFacebook. Il prefisso The venne rimosso nel 2006, dopo l’acquisto del dominio facebook.com da parte della società. Nell’aprile 2006 Facebook assunse il matematico Jeff Hammerbach, precedentemente impiegato da Bear Stearns nello sviluppo di algoritmi dedicati agli scambi commerciali ad alta frequenza. Ad Hammerbach fu assegnato il compito di raccogliere ed elaborare i dati degli utenti al fine di offrire annunci pubblicitari mirati. Il matematico lasciò l’azienda nel 2008 per fondare Cloudera.


commissione-ue-indagine-facebook-concorrenza


Nell’ottobre 2007 Microsoft ha annunciato di aver acquistato una quota dell’1,6% per 240 milioni di dollari mentre un gruppo di investitori russi ha comprato il 2% per 200 milioni. Il valore totale del sito, secondo la stima di Microsoft, era quindi di 15 miliardi, valore successivamente smentito e corretto in 3,7 miliardi di dollari nel 2009. L’accordo per l’acquisto includeva il diritto da parte di Microsoft di inserire banner pubblicitari sul sito. Il 2 ottobre 2008 la società annuncia l’intenzione di stabilire una sede internazionale a Dublino, in Irlanda, destinata alla copertura del mercato europeo e di quello africano. Pochi giorni dopo Facebook apre un ufficio anche a Parigi, in Francia. L’annuncio che il bilancio di Facebook era in positivo per la prima volta risale al settembre 2009.


Instagram down, oggi l’app del social network non funziona | Cosa sta succedendo


All’inizio del 2010 l’azienda è stata valutata 14 miliardi di dollari. Il 4 agosto dello stesso anno Facebook ha comprato 18 brevetti Friendster, pagando 40 milioni di dollari. Nel novembre 2010, secondo la piattaforma di scambio di titoli SecondMarket, Inc., una compravendita privata di azioni Facebook ne stimava il valore totale in 41 miliardi di dollari, terzo in ordine di grandezza tra i siti internet dopo Google e Amazon.


WhatsApp non funziona: impossibile inviare e ricevere messaggi, cosa sta succedendo


Il 3 gennaio 2011, Goldman Sachs ha investito in Facebook 450 milioni di dollari, stimando il valore totale in 50 miliardi di dollari. Nello stesso periodo Facebook Inc. ha deciso di spostare il proprio quartier generale da Palo Alto a Menlo Park, negli uffici della Sun Microsystems, rimasti vuoti in seguito all’acquisizione da parte di Oracle. Sempre in questo anno, venne creato un breve cortometraggio interattivo horror apposta per il sito, per sensibilizzare la gente sull’argomento dei dati personali e la privacy. Il cortometraggio porta il nome di Take This Lollipop

Articoli correlati

Back to top button