Facebook torna al centro delle polemiche: messaggi vocali trascritti da operatori esterni

Facebook torna al centro delle polemiche. Questa volta per aver pagato centinaia di operatori esterni all'azienda per trascrivere in testo i messaggi vocali

Facebook torna al centro delle polemiche. Questa volta per aver pagato centinaia di operatori esterni all’azienda per trascrivere in testo i messaggi vocali trasmessi dagli utenti tramite Messanger.

Facebook: messaggi vocali trascritti da operatori esterni, scoppia la polemica

Lo riporta l’agenzia Bloomberg, alla quale il colosso guidato da Mark Zuckerberg ha risposto ammettendo l’operazione in passato, ma spiegando di “essere stata autorizzata dagli utenti”, anche se alcuni esperti ritengono che non ci sia scritta nelle condizioni d’uso l’eventualità di questo utilizzo dei messaggi vocali.

Le aziende

Tra le aziende che hanno effettuato trascrizioni dei file audio, al fine di migliorare le tecnologie di assistenza, ci sono anche Apple e Google, che nei giorni scorsi hanno annunciato di aver interrotto questo genere di operazioni. Amazon, invece, ha spiegato che permetterà agli utenti di impedire l’utilizzo per la trascrizione dei messaggi vocali scambiati con l’assistente vocale Alexa, contenuto nei dispositivi Echo.

TAG