Cronaca

Trento, pagavano fino a mille euro per avere tamponi negativi: 44 indagati per corruzione

Falsi tamponi negativi a 1000 euro: 44 indagati a Trento. Scoperto un giro di presunti certificati verdi falsi

Scoperto un giro di tamponi negativi pagati anche mille 1000 euro Trento. Sono 44 gli indagati per corruzione, tra insegnanti, operatori sanitari, un dirigente provinciale e perfino qualche divisa, che hanno ottenuto certificati fasulli tramite test negativi falsi nel centro tamponi di Pergine Valsugana, in provincia di Trento. La procura del capoluogo altoatesino ha disposto per tutti, in attesa dell’avanzamento del procedimento, lo stop ai certificati verdi: al momento sono stati sequestrati e annullati.

Trento, tamponi negativi a 1000 euro: 44 indagati

È questo il primo atto dell’inchiesta del nucleo di polizia giudiziaria dei carabinieri che, in collaborazione con la compagnia della Guardia di finanza, a metà gennaio aveva scoperto un giro di presunti certificati verdi falsi. Secondo chi indaga, la “tamponopoli” aveva base a Pergine: il centro tamponi, allestito a margine degli impianti sportivi, era gestito da un infermiere che aveva ottenuto dall’azienda sanitaria provinciale il codice univoco della banca dati collegata al ministero della salute per il rilascio dei green pass.

La scoperta

Per il professionista e 3 collaboratori, tra cui la moglie, sono scattate le denunce per associazione a delinquere finalizzata al falso, corruzione e accesso abusivo informatico. Spulciando computer, telefonini e registro dei pagamenti gli inquirenti, coordinati dai pm Davide Ognibene e Giovanni Benelli, sarebbero risaliti ai primi 44 trentini sospettati di aver comprato i certificati. Ma l’elenco è lungo: in appena due mesi di attività il centro tamponi perginese avrebbe emesso 33mila green pass.

Articoli correlati

Back to top button