Cronaca

Femminicidio a Bologna, sospeso direttore Croce Bianca dopo il post shock: “Ovvio che lui fosse geloso”

Femminicidio a Bologna: Donatello Alberti, direttore della Croce Bianca dell'Emilia Romagna, è stato sospeso dal suo incarico in via cautelare

Donatello Alberti, direttore della Croce Bianca dell’Emilia Romagna, è stato sospeso dal suo incarico in via cautelare. Su di lui saranno effettuati accertamenti relativi ad una dichiarazione in merito al femminicidio di Alessandra Matteuzzi, uccisa martedì sera dall’ex compagno.

Femminicidio a Bologna, sospeso il direttore della Croce Bianca dopo il post sui social

Alberti, a pochi giorni dall’assassinio di Matteuzzi, aveva commentato la notizia su un social network. Riferendosi alla donna, aveva scritto: “Comunque anche lei come andava conciata, ovvio che il ragazzo era geloso”. Sotto al post, in seguito cancellato, sono arrivati in breve tempo numerosi commenti di sdegno da parte, soprattutto, di alcune donne. Anche in quel caso Alberti, però, ha risposto manifestando in maniera precisa la sua opinione: “Comportatevi più sobriamente come le nostre nonne e gran parte delle aggressioni saranno evitate”.

La reazione della Croce Bianca e il provvedimento disciplinare

Alberti ha deciso poi di rimuovere il post, con commenti al seguito e ha spiegato di essere stato frainteso. Con un messaggio social ha detto di essere stato frainteso, ma questo non è bastato a bloccare le reazioni sulle sue dichiarazioni.

 

Articoli correlati

Back to top button