CuriositàEventi
Trending

La festa del Ringraziamento tra tradizioni, usanze ed il suo approdo in Italia

Il Giorno del Ringraziamento è una delle tradizioni più importanti della cultura americana e oggi si sta diffondendo sempre di più in Italia

Il 26 novembre 2020 (quarto giovedì del mese) si celebrerà il 390esimo Giorno del Ringraziamento. Vi presentiamo di seguito la festa del Ringraziamento tra tradizioni, usanze ed il suo approdo in Italia.

Il Thanksgiving o Giorno del Ringraziamento è una delle tradizioni più importanti della cultura americana. Un giorno speciale, in cui le famiglie si riuniscono per celebrare le fortune ricevute durante l’anno. Ci si gode una giornata all’insegna del buon cibo e di appuntamenti ed usanze immancabili come la grazia del tacchino, la parata di Macy’s e il Football del Ringraziamento.

Oggi,  la diffusione in Italia delle serie tv americane, ha reso possibile l’approdo della ricorrenza tipica americana nel nostro Paese. Gli italiani stanno iniziando ad apprezzare e a festeggiare, la tipica ricorrenza americana.


ringraziamento serie tv gossip girl


La festa del Ringraziamento tra tradizioni, usanze ed il suo approdo in Italia

Nel 1620 i Padri Pellegrini, a causa della persecuzione subita in Patria, andarono alla scoperta del Nuovo Mondo e si stanziarono nell’attuale America del Nord.  Provarono a seminare quel terreno con i semi che avevano portato dall’Inghilterra ma, le condizioni climatiche e la costituzione della terra stessa, non favorirono quelle colture. Il raccolto fu molto scarso e molti di loro non superarono l’inverno. In loro soccorso arrivarono i nativi americani che, grazie alla loro conoscenza di quei terreni,  insegnarono ai Padri Pellegrini quali prodotti coltivare e quali animali allevare. Così, per celebrare l’abbondanza del raccolto e ringraziare Dio per quanto ottenuto, i Pellegrini indissero il giorno del Ringraziamento, festa alla quale parteciparono anche gli indigeni.


ringraziamento origini


Nel 1789, George Washington, primo Presidente degli Stati Uniti d’America, dichiarò la festa per tutti gli Stati.

Solo nel 1863 il Presidente Abraham Lincoln dichiarò il giorno del Ringraziamento giorno festivo con la famosa “Proclamazione di Ringraziamento”. Si dice che fu Sarah Josepha Hale ad influenzare la decisione del Presidente Lincoln. Erano gli anni della Guerra di Secessione e la Hale era convinta che la celebrazione della festa del Giorno del Ringraziamento avrebbe riunito e riappacificato il Paese.

Da allora il Giorno del Ringraziamento perse il suo contenuto cristiano diventando una delle feste più importanti per i nordamericani.

Come si festeggia la festa del Ringraziamento: tradizioni e usanze

La tradizione vuole che la cena venga organizzata a casa con gli amici e parenti e non al ristorante. 

Ogni famiglia cucina il tacchino secondo la propria “ricetta segreta”, accompagnato da salsa gravy, puré di patate, patate dolci, salsa di mirtilli, verdure e torta di zucca.


ringraziamento


Nella Costa Est il ripieno di ostriche è tradizionale, come quando in passato i crostacei erano economici e abbondanti nel mare. Nel Sud si trova un ripieno di focaccia al granturco, mentre nel Nord degli USA si può trovare il Wild Rice (spezia nordamericana).

4 curiosità sul Giorno del Ringraziamento

  1. Si dice che la scelta del tacchino come pasto principale è stata introdotta da Lincoln, influenzato da Sarah Josepha Hale secondo la quale il tacchino era un “pasto signorile”. Molti esperti, però, sottolineano che la motivazione più incisiva di optare per il tacchino sia di fattore economico: il tacchino è l’unico volatile abbastanza grosso in grado da sfamare un’intera famiglia raccolta per la festività ad un costo abbordabile per ogni fascia sociale.

    tacchino ripieno


  2. Il Giorno del Ringraziamento viene chiamato anche “T-Day” perché “T” sta per Turckey (tacchino in inglese). È oramai una tradizione consolidata quella della Cerimonia della Grazia Presidenziale a due tacchini. Si dice che il primo a graziare un tacchino in veste ufficiale fu John F. Kennedy nel 1963 quando rispedì alla National Turkey Federation un pennuto dicendo: «Lo lasceremo crescere». A partire dal 2003 i cittadini americani sono invitati a scegliere il nome dei tacchini votando sul sito della Casa Bianca. Dal 2005, invece, il trasferimento del tacchino da Washington a Los Angeles avviene con un volo di prima classe della United Airlines.

    casa bianca grazia tacchino


  3. Ogni anno nella città di New-York si tiene la Parata di Macy’s organizzata dall’omonimo magazzino. È una sfilata con pupazzi gonfiabili celebre in tutto il mondo per i palloni raffiguranti giocattoli e personaggi dei cartoni animati che fluttuano tra i grattacieli di Manhattan. La parata è lunga 4 km e attrae ogni anno milioni di visitatori. Quest’anno, per la prima volta, sarà un evento virtuale a causa della pandemia di coronavirus in corso.

    parata macy's


  4. Gli americani sono soliti guardare la partita di football americano dopo il pranzo del Ringraziamento. Tale tradizione ha origine ai tempi della Grande Depressione quando la squadra dei Portsmouth Spartans (poi divenuti i Lions) arrivò a Detroit. Il proprietario della squadra, per attirare nuovi tifosi, organizzò nel Giorno del Ringraziamento uno scontro con gli allora campioni in carica, i Chicago Bears. Gli Spartans persero, ma il match ebbe un tale successo (con il tutto esaurito due settimane prima) che l’usanza di giocare e guardare partite importanti da allora si ripete ogni anno.

    football ringraziamento


La festa del Ringraziamento approda in Italia: come festeggiare

Parlare del Giorno del Ringraziamento in Italia è un po’ come parlare di Halloween: genera spesso reazioni negative.

Tra gli italiani, però, negli ultimi anni si sta facendo strada l’idea che di motivi per dire “grazie” ne abbiamo anche noi. Inoltre, soprattutto in questi ultimi anni, anche a livello educativo ci si sta focalizzando molto sul tema della gratitudine e di dimostrare ai bambini l’importanza di dire grazie e di non dare mai per scontato ciò che si ha.

Milano: California Bakery

I primi a portare la tradizione del Ringraziamento nel nostro paese sono stati i ristoranti California Bakery, dove il menù a base di tacchino e salsa di mirtillo è anche take away. La sera del Giorno del Ringraziamento in tutti i ristoranti della catena si mangia Pumpkin Soup di zucca, rollè di tacchino alle prugne, patate dolci, cavoletti di Bruxelles e per finire, Pumpking NY Cheesecake.

Firenze: Hotel Bernini Palace

La città di Firenze attira sempre più americani. Così, l’Hotel Bernini Palace ha lanciato un’iniziativa aperta per cittadini USA e che attira sempre più anche i cittadini italiani. Nella lounge dell’hotel, dalle 18 alle 21 le persone di ogni nazionalità sono invitate a vivere una giornata in perfetto stile americano: un aperitivo con un tacchino preparato a regola d’arte e un cocktail “Manhattan” a base di whiskey americano.

Roma: Hard Rock Cafè

L’Hard Rock Cafè, la grande catena di ristoranti tematici abbandona il tipico hamburger per la serata del Ringraziamento. Con un menù di €35 tutto incluso apre le danze della serata culinaria con Corn Chowder Soup, la zuppa di mais. Prosegue poi con il classico tacchino ripieno servito con salsa al mirtillo, mashed potatoes e salsa gravy. Come dessert offre la classica Pumpkin Pie (torta di zucca) con gelato. Tutta la serata è accompagnata da musica dal vivo con cori gospel e revival di Aretha Franklin.

Il principe Forte dei Marmi : menù stellato

Il Principe Forte dei Marmi con chef Valentino Cassanelli propone un tacchino ripieno “stellato” accompagnato da risotto alla zucca con aggiunta di arancia, un trio di antipasti e un dessert a sorpresa. Il menù completo è di €70 a persona.


ringraziamento


Italiani a New-York nel giorno del Ringraziamento

Se invece vi trovate a New-York e non non avete la fortuna di avere qualche amico o parente che vi inviti per farvi vivere questa meravigliosa esperienza, la Grande Mela è intessuta di ristoranti che offrono menù con i piati tipici di questo giorno.
ViaggiNewYork.it ha selezionato i migliori ristoranti di New York che offrono un menù a prezzo fisso e i piatti tipici del Ringraziamento.

Articoli correlati

Back to top button