Cronaca

Giovane fermato per controlli: la fidanzata era nel bagagliaio

Fidanzata nascosta nel bagagliaio prima dell’inizio della fase 2. È successo in provincia di Trento dove i carabinieri della stazione di Storo, in servizio per la verifica del rispetto delle norme di contenimento contro il Covid-19, hanno proceduto al controllo di una autovettura in transito.

Fidanzata nascosta nel bagagliaio prima della fase 2

L’episodio è avvenuto nella giornata di sabato 2 maggio. Un ventenne della zona è stato fermato in auto dai carabinieri ai quali ha mostrato patente di guida libretto di circolazione oltre all’autocertificazione per giustificare il motivo del suo spostamento.

Il giovane si è da subito agitato e le giustificazioni sono apparse confuse e poco convincenti. I militari hanno quindi deciso di approfondire il controllo e il ragazzo ha aperto con non poca titubanza il bagagliaio dell’autovettura, dal quale è uscita una ragazza sempre della zona vistosamente anchilosata e non meno imbarazzata.

Il provvedimento

Alla richiesta di spiegazioni, i due ragazzi, visibilmente mortificati, si sono scusati per l’accaduto, spiegando di essere fidanzati e di aver architettato l’espediente per eludere i controlli, col solo scopo di poter passare maggiore tempo insieme. I carabinieri si sono visti costretti a sanzionarli e a rimandare i fidanzati presso le rispettive abitazioni, in attesa dell’entrata in vigore da oggi del nuovo Dpcm del 26 aprile.


Tutte le notizie sul coronavirus

Il sito del Ministero della Salute

 

Articoli correlati

Back to top button