Cronaca

Scandicci, Tiziana Bruschi morta dopo 40 giorni di agonia: era stata travolta da un bancale al lavoro

Magazziniera morta dopo 40 giorni di agonia a Firenze. Il responsabile dell’azienda è stato indagato ma ci saranno altri avvisi di garanzia

Tiziana Bruschi, la magazziniera di Firenze è morta dopo 40 giorni di agonia. Lo scorso 2 settembre, è stata travolta da un bancale nel magazzino dell’azienda di stampaggio di materie plastiche di Scandicci in cui lavorava. La donna – 58 anni – è deceduta all’ospedale di Careggi.

Firenze, magazziniera morta dopo 40 giorni di agonia

La vittima fu colpita da un bancale carico di merce, che un operaio alla guida di un muletto avrebbe fatto cadere. Il titolare della ditta è indagato per omicidio colposo. Il bancale si è staccato da un’altezza di tre metri e ha colpito la donna alla testa. Tiziana, che lascia una figlia, due nipoti e un fratello, è caduta in un coma profondo e, come ha anticipato la Nazione, è morta all’ospedale di Careggi. La procura ha aperto un’inchiesta: l’ipotesi di reato è di omicidio colposo.

Indagato il responsabile dell’azienda

Il responsabile dell’azienda è stato indagato ma probabilmente ci saranno altri avvisi di garanzia. I magistrati stanno cercando di capire se tutti i sistemi di sicurezza fossero in funzione e se i protocolli sono stati seguiti. Parenti, colleghi di lavoro e amici ricordano Tiziana come una persona speciale sempre pronta ad aiutare gli altri.

Articoli correlati

Back to top button