Cronaca

Foggia, preleva soldi dal conto di due disabili: indagato parroco. Il legale: “Erano per il loro sostentamento”

Soldi rubati a due fratelli disabili: prete in provincia di Foggia nei guai. Nei suoi confronti l'accusa è di appropriazione indebita

Un prete della provincia di Foggia è accusato di aver sottratto una ingente cifra di soldi a due fratelli disabili. Il parroco della chiesa Santi Martino e Lucia di Apricena infatti è stato raggiunto nei giorni scorsi da una misura cautelare emessa dal gip del Tribunale di Foggia che gli impone l’obbligo di dimora nel comune di San Severo. Nei suoi confronti l’accusa è di appropriazione indebita relativa a una somma di oltre 40mila euro che il prete avrebbe sottratto a due fratelli foggiani affetti da patologie psichiatriche.

Soldi rubati a due fratelli disabili: nei guai prete in provincia di Foggia

I fatti contestati dalla Procura e dai militari della Guardia di Finanza che hanno svolto le indagini, riguarderebbero il periodo che va dal 2019 al 2020. Sono stati gli stessi fratelli a rivolgersi agli investigatori denunciando il parroco come spiegato da Repubblica.

La ricostruzione

Il sacerdote secondo quanto ricostruito dai militari avrebbe prelevato la somma di denaro da un conto corrente bancario cointestato con i due fratelli. Si tratta di “soldi che – precisa l’avvocato Roberto De Rossi, difensore del sacerdote – sarebbero però serviti per il sostentamento dei due parenti”.

Articoli correlati

Back to top button