Curiosità

Formentera, l’isola radical chic

È l’isola più radical chic di tutto il Mediterraneo e, anno dopo anno, non fa che confermare la sua esclusività: stiamo parlando di Formentera, il piccolo gioiello delle isole Baleari.

Con una superficie di soli 83 kmq, questo fazzoletto di terra ospita ogni estate migliaia di visitatori provenienti da tutta Europa. Il suo fascino deriva non solo dal mare cristallino che bagna ogni sua spiaggia ma, soprattutto, da quello spirito hippy che ancora la contraddistingue. Nei lontani anni 70 infatti, un ‘ondata di giovani rivoluzionari pacifisti scelse Formentera come loro quartier generale. Fu così che diverse comunità si stanziarono nella zona di La Mola, diffondendo poi sull’isola il loro credo: un amore incondizionato per la natura. Con il passare degli anni però l’isola conobbe uno sviluppo sempre crescente e, con l’avvento del turismo di massa, la popolazione e la stessa economia dell’isola cambiarono in modo repentino. Ciò che conosciamo oggi è dunque l’evoluzione data da una serie di eventi: proprio grazie alla sua poliedricità, Formentera può vantare un lato glamour e modaiolo insieme ad atmosfere libertine e scanzonate.

Raggiungerla è sicuramente il primo passo per accedere alle sue meraviglie; non avendo un aeroporto (l’isola è molto piccola) dovrete acquistare un volo per Ibiza e, da lì, prendere un traghetto per Formentera. In poco più di mezz’ora arriverete al porto di La Savina, una piccola località turistica ricca di negozi e ristoranti.

Formentera
Formentera

Il periodo migliore per visitare l’isola è sicuramente quello che va da giugno a settembre; ma, se amate la tranquillità, i mesi come maggio ed ottobre sono certamente i più indicati. Durante la vostra vacanza, la scoperta delle spiagge occuperà sicuramente gran parte della vostra giornata.

Quello che vogliamo suggerire però, è di non fermarsi alle località più famose come Ses Illetes e Levante, ma di esplorare anche luoghi meno frequentati ma comunque di indubbia bellezza.
Tra questi segnaliamo, per esempio, le spiaggette di Es Calò; situate nel lato nord dell’isola, si configurano come tre calette costituite in parte da sabbia ed in parte da roccia. Ed è proprio quest’ultima caratteristica (è raro trovare zone scogliose sull’isola) che regala all’acqua innumerevoli sfumature di blu.
In questa zona tra l’altro, avrete anche l’occasione di provare alcuni dei ristoranti più buoni di Formentera. Prenotando con il giusto anticipo, vi suggeriamo il ristorante Can Rafalet che, con la sua meravigliosa terrazza vista mare, vi regalerà dei momenti indimenticabili.

Un’altra spiaggia da visitare è quella di Migjorn, precisamente le piccole spiaggette (luoghi molto intimi) che si trovano poco prima del ristorante La Fragata. Frequentate da naturisti, sono piccoli angoli di paradiso dove sarete cullati solo dal rumore delle onde.

Oltre alle bellissime spiagge e al mare limpido, Formentera offre anche una vivace vita serale fatta di mercatini artigianali e cene nei più variegati ristoranti. Se per esempio alloggiate nella località di Es Pujols, la fiera che si sviluppa proprio sul lungomare, è un’occasione imperdibile per regalarsi o regalare qualche souvenir.
Le bancarelle di monili e gioielli sono sicuramente le più numerose: molte di queste vendono prodotti autentici fatti anche con materiali di recupero. Tra le tante segnaliamo però quella dell’ultimo vero hippy presente sull’isola, il mitico Juan. Situata all’inizio del lungomare, davanti al Cafè Miranda, vi troverete tantissimi braccialetti e collanine fatte solo ed esclusivamente con perline colorate.

Dopo una bella passeggiata a caccia del regalo perfetto, non vi resta che andare a cena. Ma dove, data l’innumerevole quantità di ottimi ristoranti? Sicuramente la scelta va fatta in base a ciò che si desidera mangiare e anche al budget a disposizione.
Per chi ama essere servito e riverito, sicuramente il ristorante Chezz Gerdi è il posto ideale. Locale glamour frequentato anche da tantissimi vip, offre piatti di altissima qualità ed una carta dei vini con etichette da tutto il mondo. Inoltre, in prossimità dell’entrata del ristorante, si trova il celebre furgoncino Volskwagen con la scritta Formentera. Immancabile passarci anche solo per una foto!

Se invece amate una cucina più semplice a base di pesce vi suggeriamo La Cava, piccolo ristorante spagnolo dalla forte identità. L’ambiente è a tema marinaresco, curato in ogni dettaglio e reso magico dalle lucine che lo caratterizzano. Purtroppo non è possibile prenotare ma, se sarete pazienti, magari riuscirete ad avere un tavolo sulla piccola e deliziosa terrazza fronte mare. I prezzi non eccessivi e la cordialità del personale fanno di questo ristorante uno dei più richiesti dell’isola.

Un altro mercatino artistico da visitare è quello di Sant Ferran, un piccolo centro abitato che ospita una piazza, una chiesa e alcuni ristoranti. Tra i tanti segnaliamo Ritmo, un locale innovativo e scenografico nato dalla mente di un giovane imprenditore spagnolo. Qui troverete del personale preparato, una cucina fusion di alto livello e la possibilità di fermarvi dopo cena per assaggiare la loro vasta proposta di cocktail.
Di tutt’altro sapore è invece la storica Fonda Pepe, ovvero il ritrovo delle varie comunità hippy che abitarono sull’isola. Qui, in un ambiente informale ed autentico, sarete immersi in un’atmosfera decisamente scanzonata e conviviale.

E se in vacanza vi venisse voglia di pizza? Sempre a Sant Ferran, consigliamo i Quartieri Spagnoli, un ristorante-pizzeria specializzato nella pizza napoletana ma anche in gustosissimi primi di pesce. La cordialità dei proprietari Susi ed Eugenio, rappresenta poi quel tocco che vi farà sentire come a casa.

Ma il mercatino hippy più famoso si conferma sempre quello di La Mola; la località più in alto dell’isola. Ogni mercoledì e domenica, vi si svolge una coloratissima fiera artigianale, dove numerosi artisti propongono le loro creazioni; dipinti, gioielli, abbigliamento e tanto altro sono in mostra in questa piazza che rievoca le mitiche stagioni hippy dell’isola. Perdetevi nei suoni, nei colori e nelle chiacchiere dei mercanti per assaporare quello spirito libertino che tanto caratterizza Formentera.

Anche qui ovviamente non mancano bar e ristoranti dove poter mangiare qualcosa. Il Can Carol, a nostro parere, è un luogo semplice ma di grande fascino, dove potrete mangiare ottimi hamburger e bere gustosissimi mojito. Di recente apertura è invece il Can Ribs, specializzato in costolette di maiale, agnello ed in generale nella proposta di ottima carne alla brace. Poco conosciuto dai turisti, ma frequentato da tanti isolani, è il posto ideale per una serata all’insegna della buona cucina e del relax.

Infine non perdetevi il mercatino diurno (dalle 10 alle 14 circa) che si svolge ogni giorno nei vicoletti di Sant Francesc, il capoluogo dell’isola. Tra un acquisto e l’altro potrete godervi un’ottima colazione da Ca Na Pepa oppure un sostanzioso brunch nello storico Cafè Matinal. Dopo di che non vi resterà che dirigervi verso l’inconfondibile mare azzurro di Formentera!

Articoli correlati

Back to top button