Almanacco

Gérard Depardieu: biografia, vita privata e filmografia del celebre attore francese

Gérard Xavier Marcel Depardieu, nato a Châteauroux il 27 dicembre del 1948, è un attore, produttore cinematografico e imprenditore francese naturalizzato russo.

Gérard Depardieu, tutto quello che c’è da sapere sul celebre attore francese

Nato a Châteauroux, nella Francia centrale, figlio di René Maxime Lionel Depardieu (1923-1988) fabbro e volontario tra i vigili del fuoco e di Anne Jeanne Josèphe Marillier (1923-1988) casalinga.[1] Cresciuto in povertà, durante il periodo scolastico Depardieu marinava più volte la scuola che smise di frequentare all’età di tredici anni ed ebbe un’adolescenza sregolata e fu coinvolto in piccoli crimini legati a rapine, contrabbando e prostituzione[senza fonte].

Cominciò la carriera di attore all’inizio degli anni settanta e già dieci anni dopo era uno degli attori francesi più seguiti dalla critica grazie alla sua partecipazione al fianco di Fanny Ardant nel film di François Truffaut La signora della porta accanto e alla vittoria del suo primo Premio César come miglior attore per L’ultimo metrò, sempre di Truffaut.

Nel 1985 ottenne il riconoscimento come miglior attore al Festival di Cannes per l’interpretazione in Police. Dopo questa importante affermazione Depardieu vinse ancora un César con il Cyrano de Bergerac per il quale fu anche candidato all’Oscar nel 1990 e premiato come miglior attore al Festival di Cannes.

Negli anni novanta la sua fama si spinge negli Stati Uniti. Le sue più importanti apparizioni hollywoodiane sono state in Green Card – Matrimonio di convenienza – per il quale vinse il riconoscimento come miglior attore al Golden Globe, e 1492 – La conquista del paradiso, in cui interpretava Cristoforo Colombo. Nel 1997 vinse il Leone d’oro alla carriera al Festival di Venezia.

Depardieu è ancora oggi uno degli attori francesi più ricercati e pagati nel mondo (grande riscontro commerciale ha avuto con i film sulla saga di Asterix e Obelix, tratta dall’omonimo fumetto, dove ha interpretato il forzuto amico dell’eroe gallico in Asterix & Obelix contro Cesare (1999), Asterix & Obelix – Missione Cleopatra (2002), Asterix alle Olimpiadi (2008) e Asterix & Obelix al servizio di Sua Maestà (2012). Dal 2016 è il protagonista della prima serie prodotta da Netflix in lingua francese, Marseille, in cui interpreta Robért Taro, il potente sindaco di Marsiglia.

Ha inoltre diretto e prodotto diversi film con la sua DD Productions. Ha lavorato molto anche in Italia, per noti registi come Marco Ferreri, Bernardo Bertolucci, Luigi Comencini, Mario Monicelli, Mimmo Calopresti, Giuseppe Tornatore, Sergio Rubini e Ettore Scola. Attore eclettico e disinibito, ha recitato completamente nudo in diversi film tra cui L’ultima donna e Ciao maschio di Marco Ferreri e Novecento di Bernardo Bertolucci.

Vita privata

Gérard-Depardieu-in-Novecento

Nel 1970 si converte all’islam e lo pratica fino al 1972. Sempre nel 1970 ha sposato l’attrice Élisabeth Guignot da cui ha avuto due figli: Guillaume (morto nel 2008 a 37 anni per complicazioni di una polmonite) e Julie (1973) che hanno seguito entrambi le sue orme. Separatosi dalla moglie, ebbe nel 1992 una figlia, Roxane, nata dalla relazione con l’attrice Karine Silla. Nel 1996 divorziò dalla moglie e un anno dopo si legò all’attrice Carole Bouquet fino al 2005.

Il 14 luglio 2006 ha avuto un figlio, Jean, dalla relazione con la cambogiana Hélène Bizot, conosciuta nel 2002 sul set di City of Ghosts, che è stato riconosciuto solo nel 2008. Dal 2005 convive con Clementine Igou, scrittrice franco-americana e responsabile marketing di un’azienda vinicola toscana. Ha tre nipoti, una dal figlio Guillaume, nata nel 2001, e due dalla figlia Julie, nati nel 2011 e nel 2012.

Il 12 dicembre 2012, in ragione dell’elevata tassazione (75%) sui redditi più alti introdotta dal Governo di François Hollande (legge poi bocciata dalla Corte costituzionale e in seguito anche dal Consiglio di Stato), ha annunciato di aver trasferito la sua residenza a Néchin, un paesino in Belgio a pochi chilometri dal confine con la Francia. Fortemente criticato per la sua scelta (che segue una decisione analoga di altri ricchi francesi), il 16 dicembre ha dichiarato che avrebbe restituito il passaporto francese per prendere, oltre alla residenza, la cittadinanza belga e ha messo in vendita per 50.000.000 € la sua casa di Parigi; due giorni dopo ha anche fatto balenare la possibilità di acquisire la doppia cittadinanza italiana.

Sempre nello stesso periodo il presidente russo Vladimir Putin si è detto disponibile a consegnare a Depardieu il passaporto russo e ha successivamente firmato il decreto per la concessione della nazionalità russa il 3 gennaio 2013. Il 6 gennaio Depardieu ha effettivamente raggiunto la Russia nella quale, oltre a ricevere il passaporto russo, ha avuto l’occasione di pranzare con lo stesso Putin sul Mar Nero in vista delle festività natalizie ortodosse.

Ha posseduto inoltre una residenza nel centro storico di Lecce fino al 2014, città di cui si è innamorato visitandola anni prima.

Filmografia

Gérard-Depardieu

Cinema

  • Le cri du cormoran, le soir au-dessus des jonques, regia di Michel Audiard (1971)
  • Un po’ di sole nell’acqua gelida (Un peu de soleil dans l’eau froide), regia di Jacques Deray (1971)
  • Il vitalizio, regia di Pierre Tchernia (1972)
  • Il commissario Le Guen e il caso Gassot (Le Tueur), regia di Denys de La Patellière (1972)
  • Nathalie Granger, regia di Marguerite Duras (1972)
  • Il clan dei marsigliesi (La Scoumoune), regia di José Giovanni (1972)
  • Au rendez-vous de la mort joyeuse, regia di Juan Luis Buñuel (1973)
  • L’an 01, regia di Jacques Doillon, Alain Resnais e Jean Rouch (1973)
  • L’affare Dominici, regia di Claude Bernard-Aubert (1973)
  • Due contro la città (Deux Hommes dans la ville), regia di José Giovanni (1973)
  • Una giornata amara, regia di René Allio (1973)
  • Cari amici miei…, regia di Pierre Tchernia (1974)
  • I santissimi, regia di Bertrand Blier (1974)
  • La Femme du Gange, regia di Marguerite Duras (1974)
  • Stavisky il grande truffatore (Stavisky), regia di Alain Resnais (1974)
  • Tre amici, le mogli e (affettuosamente) le altre (Vincent, François, Paul… et les autres), regia di Claude Sautet (1974)
  • Il difetto di essere moglie (Pas si méchant que ça), regia di Claude Goretta (1975)
  • Maîtresse, regia di Barbet Schroeder (1975)
  • I baroni della medicina (Sept morts sur ordonnance), regia di Jacques Rouffio (1975)
  • Je t’aime moi non plus, regia di Serge Gainsbourg (1976)
  • L’ultima donna (La Dernière femme), regia di Marco Ferreri (1976)
  • Novecento, regia di Bernardo Bertolucci (1976)
  • Barocco, regia di André Téchiné (1976)
  • Tre simpatiche carogne (René la canne), regia di Francis Girod (1977)
  • Le Camion, regia di Marguerite Duras (1977)
  • Baxter, Vera Baxter, regia di Marguerite Duras (1977)
  • Gli aquiloni non muoiono in cielo (Dites-lui que je l’aime), regia di Claude Miller (1977)
  • La nuit, tous les chats sont gris, regia di Gérard Zingg (1977)
  • Preparate i fazzoletti (Préparez vos mouchoirs), regia di Bertrand Blier (1978)
  • Ciao maschio, regia di Marco Ferreri (1978)
  • Violanta, regia di Daniel Schmid (1978)
  • La donna mancina (Die linkshändige Frau), regia di Peter Handke (1978)
  • Zucchero, regia di Jacques Rouffio (1978)
  • L’ingorgo, regia di Luigi Comencini (1979)
  • Dogs man, regia di Alain Jessua (1979)
  • Buffet freddo (Buffet froid), regia di Bertrand Blier (1979)
  • Temporale Rosy, regia di Mario Monicelli (1980)
  • Mio zio d’America, regia di Alain Resnais (1980)
  • Loulou, regia di Maurice Pialat (1980)
  • L’ultimo metrò (Le dernier métro), regia di François Truffaut (1980)
  • Un commissario al di sotto di ogni sospetto, regia di Claude Zidi (1980)
  • Vi amo (Je vous aime), regia di Claude Berri (1980)
  • Codice d’onore (Le choix des armes), regia di Alain Corneau (1981)
  • La signora della porta accanto (La femme d’à côté), regia di François Truffaut (1981)
  • La capra (La chèvre), regia di Francis Veber (1981)
  • Il ritorno di Martin Guerre (Le retour de Martin Guerre), regia di Daniel Vigne (1982)
  • Il grande fratello, regia di Francis Girod (1982)
  • Danton, regia di Andrzej Wajda (1983)
  • Lo specchio del desiderio (La lune dans le caniveau), regia di Jean-Jacques Beineix (1983)
  • Les compères – Noi siamo tuo padre (Les compères), regia di Francis Veber (1983)
  • Fort Saganne, regia di Alain Corneau (1984)
  • Le Tartuffe, regia di Gérard Depardieu (1984)
  • Il desiderio e la corruzione (Rive droite, rive gauche), regia di Philippe Labro (1984)
  • Police, regia di Maurice Pialat (1985)
  • Alta, bella e pericolosa, regia di Daniel Vigne (1985)
  • Lui portava i tacchi a spillo (Tenue de soirée), regia di Bertrand Blier (1986)
  • Jean de Florette, regia di Claude Berri (1986)
  • Io odio gli attori (Je hais les acteurs), non accreditato, regia di Gérard Krawczyk (1986)
  • La ragazza senza fissa dimora (Rue du départ), regia di Tony Gatlif (1986)
  • Due fuggitivi e mezzo (Les fugitifs), regia di Francis Veber (1986)
  • Sotto il sole di Satana (Sous le soleil de Satan), regia di Maurice Pialat (1987)
  • Drôle d’endroit pour une rencontre, regia di François Dupeyron (1988)
  • Camille Claudel, regia di Bruno Nuytten (1988)
  • Due, regia di Claude Zidi (1989)
  • Troppo bella per te! (Trop belle pour toi), regia di Bertrand Blier (1989)
  • Voglio tornare a casa! (I Want to Go Home), regia di Alain Resnais (1989)
  • Cyrano de Bergerac, regia di Jean-Paul Rappeneau (1990)
  • Uranus, regia di Claude Berri (1990)
  • Green Card – Matrimonio di convenienza (Green Card), regia di Peter Weir (1990)
  • Merci la vie – Grazie alla vita (Merci la vie), regia di Bertrand Blier (1991)
  • Mio padre, che eroe! (Mon père, ce héros), regia di Gérard Lauzier (1991)
  • Tutte le mattine del mondo (Tous les matins du monde), regia di Alain Corneau (1991)
  • 1492 – La conquista del paradiso (1492: Conquest of Paradise), regia di Ridley Scott (1992)
  • Ahimè!, regia di Jean-Luc Godard (1993)
  • Germinal, regia di Claude Berri (1993)
  • Ma dov’è andata la mia bambina? (My Father the Hero), regia di Steve Miner (1994)
  • Una pura formalità, regia di Giuseppe Tornatore (1994)
  • Il colonnello Chabert (Le colonel Chabert), regia di Yves Angelo (1994)
  • La machine – Un corpo in prestito, regia di François Dupeyron (1994)
  • Cento e una notte, regia di Agnès Varda (1995)
  • Élisa, regia di Jean Becker (1995)
  • L’ussaro sul tetto (Le hussard sur le toit), regia di Jean-Paul Rappeneau (1995) – cameo non accreditato
  • Soldi proibiti, regia di Jean-Marie Poiré (1995)
  • Le Garçu, regia di Maurice Pialat (1995)
  • Una donna molto speciale (Unhook the Stars), regia di Nick Cassavetes (1996)
  • Bogus – L’amico immaginario, regia di Norman Jewison (1996)
  • L’agente segreto (The Secret Agent), regia di Christopher Hampton (1996)
  • Le plus beau métier du monde, regia di Gérard Lauzier (1996)
  • Hamlet (Hamlet), regia di Kenneth Branagh (1996)
  • XXL, regia di Ariel Zeitoun (1997)
  • La maschera di ferro (The Man in the Iron Mask), regia di Randall Wallace (1998)
  • La parola amore esiste, regia di Mimmo Calopresti (1998)
  • Bimboland, regia di Ariel Zeitoun (1998)
  • Asterix & Obelix contro Cesare (Astérix & Obélix contre César), regia di Claude Zidi (1999)
  • Un pont entre deux rives, regia di Frédéric Auburtin e Gérard Depardieu (1999)
  • Mirka, regia di Rachid Benhadj (2000)
  • Tutto l’amore che c’è, regia di Sergio Rubini (2000)
  • Actors (Les acteurs), regia di Bertrand Blier (2000)
  • Vatel, regia di Roland Joffé (2000)
  • Zavist Bogov, regia di Vladimir Menshov (2000)
  • La carica dei 102 – Un nuovo colpo di coda (102 Dalmatians), regia di Kevin Lima (2000)
  • L’apparenza inganna (Le placard), regia di Francis Veber (2000)
  • Concorrenza sleale, regia di Ettore Scola (2001)
  • CQ, regia di Roman Coppola (2001)
  • Vidocq – La maschera senza volto (Vidocq), regia di Pitof (2001)
  • Streghe verso nord, regia di Giovanni Veronesi (2001)
  • Asterix & Obelix – Missione Cleopatra (Astérix & Obélix: Mission Cléopâtre), regia di Alain Chabat (2002)
  • I Am Dina (Jeg er Dina), regia di Ole Bornedal (2002)
  • Aime ton père, regia di Jacob Berger (2002)
  • Cuori estranei (Between Strangers), regia di Edoardo Ponti (2002)
  • City of Ghosts, regia di Matt Dillon (2002)
  • Blanche, regia di Bernie Bonvoisin (2002)
  • Crime Spree – In fuga da Chicago (Crime Spree), regia di Brad Mirman (2003)
  • Il patto del silenzio, regia di Graham Guit (2003)
  • Bon Voyage, regia di Jean-Paul Rappeneau (2003)
  • Nathalie…, regia di Anne Fontaine (2003)
  • Sta’ zitto… non rompere (Tais-Toi!), regia di Francis Veber (2003)
  • Les Clefs de bagnole, regia di Laurent Baffie (2003)
  • RRRrrrr!!!, regia di Alain Chabat (2004)
  • 36 Quai des Orfèvres, regia di Olivier Marchal (2004)
  • I nuovi eroi (Nouvelle-France), regia di Jean Beaudin (2004)
  • I tempi che cambiano (Les temps qui changent), regia di André Téchiné (2004)
  • La vie de Michel Muller est plus belle que la vôtre, regia di Michel Muller (2005)
  • Je préfère qu’on reste amis, regia di Olivier Nakache e Éric Toledano (2005)
  • Boudu, regia di Gérard Jugnot (2005)
  • Per sesso o per amore? (Combien tu m’aimes ?), regia di Bertrand Blier (2005)
  • Olé!, regia di Florence Quentin (2005)
  • L’ultima vacanza (Last Holiday), regia di Wayne Wang (2006)
  • Paris, je t’aime, episodio “Quartier Latin”, regia di Gérard Depardieu (2006)
  • A modo mio (Quand j’étais chanteur), regia di Xavier Giannoli (2006)
  • La vie en rose, regia di Olivier Dahan (2007)
  • Michou d’Auber, regia di Thomas Gilou (2007)
  • L’abbuffata, regia di Mimmo Calopresti (2007)
  • Asterix alle Olimpiadi (Astérix aux Jeux Olympiques), regia di Frédéric Forestier e Thomas Langmann (2008)
  • Vsyo mogut koroli, regia di Aleksandr Chernyaev (2008)
  • Disco, regia di Fabien Onteniente (2008)
  • Sans arme, ni haine, ni violence, regia di Jean-Paul Rouve (2008)
  • Babylon A.D., regia di Mathieu Kassovitz (2008)
  • Nemico pubblico N. 1 – L’istinto di morte, regia di Jean-François Richet (2008)
  • Nemico pubblico N. 1 – L’ora della fuga, regia di Jean-François Richet (2008)
  • Bouquet final, regia di Michel Delgado (2008)
  • Hello Goodbye, regia di Graham Guit (2008)
  • I ragazzi di Timpelbach (Les Enfants de Timpelbach), regia di Nicolas Bary (2008)
  • Diamond 13 (Diamant 13), regia di Gilles Béhat (2009)
  • Bellamy, regia di Claude Chabrol (2009)
  • À l’origine, regia di Xavier Giannoli (2009)
  • L’autre Dumas, regia di Safy Nebbou (2010)
  • Mammuth, regia di Gustave de Kervern e Benoît Delépine (2010)
  • Glenn, the Flying Robot, regia di Marc Goldstein (2010)
  • La tête en friche, regia di Jean Becker (2010)
  • Potiche – La bella statuina, regia di François Ozon (2010)
  • A Small World – Ricordi lontani (Je n’ai rien oublié), regia di Bruno Chiche (2011)
  • Vita di Pi (Life of Pi), regia di Ang Lee (2012)
  • Asterix & Obelix al servizio di Sua Maestà (Astérix et Obélix: Au service de Sa Majesté), regia di Laurent Tirard (2012)
  • L’uomo che ride (L’homme qui rit), regia di Jean-Pierre Améris (2012)
  • Le grand soir, regia di Gustave de Kervern e Benoît Delépine (2012)
  • Turf, regia di Fabien Onteniente (2013)
  • A Farewell to Fools, regia di Bogdan Dreyer (2013)
  • Niente può fermarci, regia di Luigi Cecinelli (2013)
  • La Marque des anges, regia di Sylvain White (2013)
  • Les Invincibles, regia di Frédéric Berthe (2013)
  • Cadences obstinées, regia di Fanny Ardant (2013)
  • Welcome to New York, regia di Abel Ferrara (2014)
  • Mon cochon et moi, regia di Frank Dobrin (2014)
  • La grande passione (United Passions), regia di Frederic Auburtin (2014)
  • Viktor, regia di Philippe Martinez (2014)
  • Valley of Love, regia di Guillaume Nicloux (2015)
  • Saint Amour, regia di Benoit Délépine e Gustave Kervern (2016)
  • Una squadra da sogno (La Dream Team), regia di Thomas Sorriaux (2016)
  • Bonne Pomme, regia di Florence Quentin (2017)
  • La truffa del secolo (Carbone), regia di Olivier Marchal (2017)
  • L’amore secondo Isabelle (Un beau soleil intérieur), regia di Claire Denis (2017)
  • Sogno di una notte di mezza età – Amoureux de ma femme (Amoureux de ma femme), regia di Daniel Auteuil (2018)
  • Twins, regia di Lamberto Bava (2018)
  • Creators – The Past, regia di Piergiuseppe Zaia (2019)
  • Qualcosa di meraviglioso (Fahim), regia di Pierre-François Martin-Laval (2019)

Televisione

  • Il conte di Montecristo (Le Comte de Monte Cristo), regia di Josée Dayan – miniserie TV (1999)
  • I miserabili (Les Misérables), regia di Josée Dayan – miniserie TV (2000)
  • Napoléon, regia di Yves Simoneau – miniserie TV (2002)
  • La maledizione dei Templari, regia di Josée Dayan – miniserie TV (2005)
  • Le grand restaurant, regia di Gérard Pullicino – film TV (2010) – cameo
  • Il caso Rasputin (Raspoutine), regia di Josée Dayan – film TV
  • Marseille – serie TV, 16 episodi (2016-2018)

Cortometraggi

  • Le beatnik et le minet, regia di Roger Leenhardt (1967)
  • La vie sentimentale de Georges Le Tueur, regia di Daniel Berger (1971)
  • From Time to Time, regia di Jeff Blyth (1992)

Riconoscimenti

  • Premi César 1981 come miglior attore protagonista per L’ultimo metrò
  • Premi César 1991 come miglior attore protagonista per Cyrano de Bergerac
  • Premi Oscar 1991 – Candidato per l’Oscar al miglior attore protagonista per Cyrano de Bergerac
  • Coppa Volpi per la migliore interpretazione maschile alla 42ª Mostra internazionale d’arte cinematografica di Venezia per Police (1985)
  • Premio al miglior attore al Festival di Cannes 1990 per Cyrano de Bergerac
  • Golden Globe 1991 – Golden Globe per il miglior film commedia o musicale per Green Card – Matrimonio di convenienza
  • Leone d’Oro alla carriera alla 54ª Mostra internazionale d’arte cinematografica di Venezia (1997)

Gli è stato dedicato un asteroide, 19999 Depardieu

Articoli correlati

Back to top button

Individuato Adblock




Per visualizzare il sito
Disattiva AdBlock

L'Occhio Network è un giornale gratuito e per coprire le spese di gestione la pubblicità è l'unica fonte di sostegno.
Se vuoi che L'Occhio Network continui ad essere fruibile gratuitamente non bloccare le pubblicità.
Grazie di supporto