Curiosità

Gianluca Vialli, guadagni e patrimonio del campione ex Juventus

Nel corso della sua carriera ha giocato per diverse squadre

A quanto ammonta il patrimonio di Gianluca Vialli? L’ex calciatore, di ruolo attaccante, nel corso della sua carriera ha giocato per diverse squadre, italiane e non solo, guadagnando così tantissimo, soprattutto nel corso della sua esperienza all’estero in Premier League, massimo campionato inglese. A quanto ammonta, dunque il suo patrimonio?

Gianluca Vialli, guadagni e patrimonio del campione

Nato a Cremona il 9 luglio del 1964, Gianluca Vialli è stato tra i migliori centravanti degli anni 80 e 90 del Ventesimo secolo. Rientra nella ristretta cerchia dei calciatori che hanno vinto tutte e tre le principali competizioni UEFA per club, unico fra gli attaccanti. Più volte candidato al Pallone d’oro, si è classificato 7º nelle edizioni 1988 e 1991. Nel 2015 è stato inserito nella Hall of Fame del calcio italiano.

Gianluca Vialli ha sempre fatto parte di una famiglia altolocata. Suo padre, infatti, era a capo di una famiglia dell’alta borghesia imprenditoriale di Cremona, con un’attività industriale di successo. Nel corso della sua carriera di calciatore, Gianluca Vialli ha guadagnato tanto. Non ci sono informazioni molto dettagliate in merito, ma quando era alla Juventus percepiva uno stipendio di un miliardo mezzo di lire, la metà di quanto guadagnato dal compagno di squadra Roberto Baggio.


gianluca-vialli-guadagni-patrimonio-eredita
Gianluca Vialli ai tempi del Chelsea

Nel 1996, sfruttando la legge Bosman, riuscì a svincolarsi dalla Juventus a parametro zero. Firmò un contratto con il Chelsea, ambizioso club londinese, diventando subito il calciatore più pagato della Premier League fino a quel momento. Importante anche il contratto da allenatore strappato dal Watford, con un ingaggio da 800mila sterline stagione. 

Lo stipendio da commentatore Sky

Gianluca Vialli ha lavorato anche per Sky Sport, in veste di talent. L’emittente privata gli avrebbe garantito un guadagno di un altro milione e mezzo di euro l’anno. 

Articoli correlati

Back to top button