FrasiMusica

Le migliori frasi, testi e canzoni di Giovanna: le più belle

Scopriamo insieme le migliori frasi, testi e canzoni più belle di Giovanna

Giovanna Nocetti, nota con il solo prenome Giovanna nato a Viareggio, il 10 marzo 1945, è una cantante e produttrice discografica italiana molto famosa. Scopriamo insieme le migliori frasi, testi e canzoni più belle di Giovanna.

Le frasi, testi e canzoni di Giovanna: le più belle

Di seguito una selezione di frasi, testi, canzoni e immagini più belle di Giovanna:

Canzone appassiunata

N’albero piccerillo aggiu piantato
Criscènnolo cu pena e cu sudore
Na ventecata giá mme ll’ha spezzato
E tutt’ ‘e ffronne cágnano culore
Cadute só giá ‘e frutte e tuttuquante
Erano doce, e se só fatte amare
Ma ‘o core dice: “Oje, giuvinotto amante
‘E ccose amare, tiénele cchiù care”
E amara comme si’, te voglio bene
Te voglio bene e tu mme faje murí
Te voglio bene, te voglio bene e tu mme faje murí

Giovanna

Il mio ex

È incredibile com’è rimasto il solito pazzo
Con l’aria innocente
Mentre io ero calma di fuori
E tremavo di dentro

Nadie Ve

Hay, más allá,
Un nudo para desarmar,
Que crece más cuando lo quieres olvidar.
Yo te vi,
Corriendo quieta en el andén,
Sin moverte y llorando con los pies,
Y ahora me ves,
Pero ya me ves.

Pupatella

Mm’hanno menato quatto palomme
Ca só’ arrivate dint”e ccancelle
Steva signato nu nomme:
‘O nomme ‘e chist’amico
Ca vò abballa cu tico
Pe’ fá nu sfreggio a me…

Gloria

Gloria, faltas en el aire falta tu presencia,
Cálida inocencia faltas en mi boca que sin querer te nombra
Y escribiré mi historia con la palabra Gloria
Porque aquí a tu lado la mañana se ilumina la verdad
Y la mentira se llaman Gloria Gloria,

Dos cruces

Sevilla tuvo que ser
Con su lunito plateada
Testigo de nuestro amor
Bajo la noche callada

Malata d’allegria

Vorrei andarmene in fretta
Chi mi trattiene lo so
E la mia mente assetata che è già ritornata
A parlare con te
Io malata malata d’allegria
Insieme a te vivevo di poesia
Il nostro incontro in quel caffè
E ancora noi in quella trattoria
Io malata d’allegria
Insieme a te vivevo di poesia
Chi arriva primo fin quassù
Chissà perché vincevi sempre tu

Era de maggio

Era de maggio; io no, nun mme ne scordo
Na canzone cantávemo a doje voce
Cchiù tiempo passa e cchiù mme n’allicordo
Fresca era ll’aria e la canzona doce

Ahi mi amor

Lo negherò sempre, perfino con Dio
Che a volte il pensiero, vagando di suo
Ritorna a cercarti, esulta al ricordo
Poi torna a sfinirmi, cattivo e testardo
E penso alla notte che sola morivo
E tu pur sapendo che sola morivo
Chissà da che braccia non sei più tornato
E allora mi dico: “Non mi hai mai amato”

Trenta giorni

E parlò della pelle tua di miele
Come fossero cavalli nel tramonto
E parlò di quei passi tuoi leggeri
Come fossero cotone sulla neve
Trenta giorni cantò del tuo ricordo
Già più lieve per qualche oblio sottile
Poi più forte per tanta giovinezza
Si scordò dell’amore tuo gentile
Dell’amore tuo gentile. Gentile

Al telefono

Appena a casa, ho preso il telefono
E ho chiamato te
Però una donna ha chiesto, rispondendomi:
“Scusi, lei chi è?”

Giovanna

Ricordo di un amore

Ti sento ancora dire:
“Cara, non soffrire
Partire non è come pensi tu
È qualche mese e poi torni da me”, ma…
Caro, ti scrivo da dove non so
L’amore che porto è realtà

Articoli correlati

Back to top button