Scienza e Tecnologia

Gonfiore addominale: quali sono i migliori rimedi

Cerchiamo quindi di capire quali sono le migliori strategie per risolvere il problema del gonfiore addominale

Il gonfiore addominale è un disturbo che assilla moltissime persone; basandosi su quanto affermato da esperti del prestigioso istituto sanitario Humanitas, tale disturbo colpisce circa il 28% della popolazione, un numero davvero importante.

Se è vero che in alcuni casi il problema è sporadico e magari è dovuto solamente a un pasto troppo abbondante, sono davvero molte le persone che soffrono non saltuariamente di questo fastidioso disturbo.

Non è certo un caso se “pancia gonfia rimedi” è una delle stringhe di ricerca più comuni sulla Rete Internet.

Cerchiamo quindi di capire quali sono le migliori strategie per risolvere il problema del gonfiore addominale.

Pancia gonfia: i rimedi più efficaci

Si deve partire dalla premessa che il gonfiore addominale non ha un’unica causa; si tratta infatti di una condizione che può essere scatenata da problematiche di diverso tipo, anche se, molto spesso, riguardano l’ambito alimentare o comunque l’apparato digerente, in particolare gli squilibri della flora batterica intestinale (disbiosi intestinale).

La disbiosi intestinale è spesso il principale fattore che favorisce il gonfiore di pancia; alla base di tale problematica possono esserci varie motivazioni come per esempio una cattiva alimentazione (dieta poco sana e ipercalorica), malattie infiammatorie croniche intestinali, sindrome dell’intestino irritabile, celiachia, intolleranza al lattosio, alterazioni della motilità intestinale, terapie antibiotiche, assunzione prolungata di farmaci antinfiammatori ecc.

Il primo intervento in questi casi è adottare un regime alimentare sano ed equilibrato; se il gonfiore è attribuibile a patologie o intolleranze alimentari è necessario consigliarsi con il proprio medico curante e/o con uno specialista gastroenterologo che indicheranno le eventuali terapie.

Alle terapie suggerite dal medico è spesso utile affiancare l’assunzione di prodotti a base di probiotici, ovvero “microrganismi buoni” (in genere batteri e lieviti) che hanno proprio lo scopo di ripristinare e contribuire a mantenere il buon equilibrio della flora batterica; è questo uno dei motivi per cui in genere i medici associano alle terapie antibiotiche (che hanno un effetto deleterio sulla flora batterica) anche l’assunzione di tali prodotti.

Non dimentichiamo, poi, che una flora batterica in ottime condizioni contribuisce moltissimo a rafforzare il sistema immunitario.

A una sana alimentazione è opportuno (per non dire necessario) associare un’attività fisica costante; è consigliabile scegliere un’attività che non ci annoi e che siamo sicuri di poter praticare senza viverla come una forzatura; in caso contrario finiremmo per abbandonarla nel giro di poco tempo; può essere la palestra, il nuoto, la corsa ecc.; le possibilità fra cui scegliere sono molte e diversificate.

È molto importante anche eliminare le fonti di stress, un fattore, quest’ultimo, che può influenzare pesantemente la qualità della propria vita, sia fisicamente che psichicamente. Può essere d’aiuto, a questo proposito, ritagliarsi nell’arco della giornata un momento da dedicare solamente a noi stessi (uno sport, un hobby, un’attività sociale stimolante ecc.). Lo stress ha un’influenza davvero negativa sul microbioma intestinale con tutto ciò che ne consegue.

Per contribuire ad alleviare il gonfiore addominale è altresì consigliabile ridurre il consumo di quegli alimenti che tendono a favorire una produzione eccessiva di gas intestinali come per esempio fagioli, cavoli, cavoli, broccoli, cipolle, formaggi stagionati, bibite frizzanti ecc.

Ovviamente non devono essere eliminati, trattandosi di alimenti che hanno proprietà nutrizionali importanti (eccezion fatta per le bibite gassate); è sufficiente inserirli nella propria dieta alternandoli ad altri tipi di cibi che, al contrario, favoriscono lo “sgonfiamento” (yogurt, kiwi, mandarini, arance, pesce, anice, cumino, finocchi ecc.).

Articoli correlati

Back to top button