Politica

Green pass obbligatorio su treni, aerei e navi | L’ipotesi del Governo Draghi

Il Governo Draghi è già al lavoro per rendere il Green pass obbligatorio su treni, aerei e navi

Mentre monta la protesta in tutta Italia da parte dei no vax, il Governo Draghi è già al lavoro per rendere il Green pass obbligatorio su treni, aerei e navi. Il tutto già dalla fine di agosto.

Green pass obbligatorio su treni, aerei e navi: l’ipotesi

La scelta di non cominciare il 6 agosto, come per tutte le altre attività, sarebbe stata fatta per evitare disagi a chi aveva già prenotato e avrebbe rischiato di dover annullare i viaggi. Ma a settembre si volterà pagina , anche e soprattutto per evitare un’ulteriore impennata dei contagi, come già successo lo scorso anno al ritorno dalle vacanze e in concomitanza con l’inizio della scuola.

Green pass e mezzi a lunga percorrenza: verso l’obbligo

In realtà, come riporta il Corriere della Sera, al momento sembra difficile che si arrivi ad un vero e proprio obbligo generale del pass sanitario ma ci sarà una fortissima raccomandazione. Quasi certamente obbligatorio il Green pass sarà invece sui mezzi di trasporto a lunga percorrenza come navi, traghetti, aerei e treni. L’unica scelta da fare riguarda proprio la data di entrata in vigore.

Al momento l’ipotesi più probabile è che scatti alla fine di agosto, quando si registra il maggior numero di rientri dalle vacanze. È possibile che venga deciso di richiedere la certificazione ai passeggeri dai 12 anni in su con la prima dose o in alternativa il tampone negativo. Una procedura che eviterebbe – a chi viaggia in aereo e rientra dall’estero – il doppio tampone previsto adesso. Diverso il discorso per l’obbligatorietà del Green pass per il trasporto pubblico locale, per il quale sembra difficilissimo: l’unica soluzione è quella di aumentare in maniera significativa i numero dei mezzi a disposizione per consentire di lasciare la capienza dei mezzi al massimo all’80% in vista della ripartenza della scuola e delle varie attività produttive dopo la pausa estiva.


Il sito del Ministero della Salute

 

Articoli correlati

Back to top button