Cronaca

Grillo replica a Conte: “Non sono un padre padrone, sono un papà con il cuore per il M5S”

La verità del garante Cinquestelle affidata a un video sul blog dopo la levata di scudi dei parlamentari 5S

“Non sono il padre padrone, sono il papà del Movimento. Un papà con il cuore”. Così Beppe Grillo replica con un video postato dalla sua pagina Facebook alle parole con cui Giuseppe Conte lo aveva duramente attaccato nella conferenza stampa di lunedì.

Grillo replica a Conte: “Non sono il padre padrone”

“Io ho reagito come dovevo, col mio cuore, la mia anima e la mia intelligenza. Non da padre padrone ma da papà, ho fatto cose straordinarie ricordo a chi oggi mi sta disprezzando“. E invita a restare uniti: “Se qualcuno farà una scelta diversa la farà in coscienza”.

Esordisce Grillo

“Brevemente, vorrei spiegarvi perché le dichiarazioni fanno anche male – esordisce, in un video dai toni pacati -, la dinamica. Ci siamo visti insieme al Forum e abbiamo dato incarico a Conte, avevamo bisogno di lui: noi siamo un movimento, era giusto individuare una persona che lo cambiasse era concordato. Del resto questo è un Movimento che permette a un prof di diventare presidente del Consiglio, questo lo abbiamo fatto noi”, rivendica Grillo.

Racconta Grillo

Dunque racconta di aver detto a Conte, “‘prenditi lo statuto, i nostri avvocati, vedi se ti va bene, fai tu, se c’è qualcosa che non ti va cambialo. Da quella volta non l’ho più sentito, a maggio inizio a sentire il peso di questa situazione. Gli dico: ‘se non ti fidi di me fallo vedere ai parlamentari, fallo vedere a qualcuno, sono rimasto anche in imbarazzo, unico depositario di qualche sprazzo” dello statuto.

“Poi è arrivata al famosa bozza, al centro c’era lui, agli stati generali gli iscritti avevano chiesto una distribuzione dei poteri, perché se fai tutto da solo, ti fai male da solo. Se nomini questo e quello… Io ho solo chiesto di avere la mia garanzia di avere le condizioni del garante nello statuto originario, dammi la possibilità di essere il visionario, il custode dei valori, che significa non entrare nella dinamica delle scelte politiche, tue che sei un uomo straordinario, ma lasciami vedere un attimo, lasciamo fare. Ma non sentivo dall’altra parte mai nulla, ho pensato ‘c’è qualcosa di strano'”.

Dunque Grillo dice di aver visto lo statuto, “gli ho detto non mi va bene questo, me lo rimandava, poi ho detto vedilo con i parlamentari”. Dunque arriva al suo blitz a Roma, “sono andato dai parlamentari – sostiene – e ho visto paura, come una paura latente, non gli abbracci, il bene, il clima del movimento. Ho fatto qualche battuta, lui si è offeso… effetti collaterali, forse è la mia disgrazia”.

La trattativa

Lui il giorno dopo mi fa una telefonata tempestosa, ‘io non ti rispondo più’, dice”. Grillo racconta di aver tentato una trattativa, “io rinuncio a questo, tu a quello… Lui mi ha detto, non ti rispondo” e lo ha fatto “in conferenza stampa, l’avete vista, è successo quel che successo. Lui si è staccato”, il fondatore del Movimento lamenta di non aver “mai visto il codice etico”, la “transizione mai citata nello statuto. Ho reagito come dovevo”, rivendica dicendo di averci messo cuore, anima e cervello.

Ricorda a chi “mi sta disprezzando”, di aver attraversato a nuoto il ponte di Messina, di aver girato l’Italia in camper: “sono cose che ho nel cuore. Il Movimento cambia, forse doveva cambiare con lui o forse non è Conte la persona più adatta. Vi abbraccio tutti, stiamo uniti – aggiunge – se qualcuno darà una scelta diversa la farà in tutta coscienza”.

 

 

Articoli correlati

Back to top button