Cronaca

Pina, guarita dalla spagnola, cuce mascherine per il coronavirus

Dall’influenza spagnola al coronavirus. Josephina Marquezano Hamuch, per tutti “Dona Pina”, è un’arzilla 103enne brasiliana di origini italiane. Quando aveva solo un anno contrasse l’influenza spagnola.

Guarita dalla spagnola, Pina cuce mascherine contro il coronavirus: la storia

I medici le avevano dato poche chance di vita, ma lei ce l’ha fatta e oggi è il simobolo della speranza per le tante persone che stanno affrontando la nuova pandemia, quella da Covid-19.

“Il quadro è molto simile a quella di cento anni fa – racconta Dona Pina -, le persone non sanno realmente di cosa si tratta, sono disorientate. Quando io mi ammalai con l’influenza spagnola i medici dissero ai miei genitori che non sarei sopravvissuta, ma dopo più di un secolo sono ancora qui e voglio aiutare le persone a uscire da questa brutta situazione”.
Per questo la 103enne che vive a Santos, città costiera dello stato di San Paolo, si è messa al lavoro e ha creato una piccola produzione di mascherine fatte in casa. “Le cucio io stessa e la maggior parte vengono donate”. Due le tiene per sè e le utilizza solo per confessarsi. “Ho sempre amato i lavori manuali e adesso posso aiutare la comunità solo in questo modo. Quindi oltre a pregare ogni giorno perché questa situazione finisca il prima possibile, mi metto a cucire”.

 

 

Articoli correlati

Back to top button