Guerra

Guerra Russia-Ucraina, 108° giorno di conflitto | TUTTE LE NOTIZIE IN DIRETTA

Centottesima notte di paura e combattimenti in Ucraina

Guerra tra Russia Ucraina, tutte le ultimissime notizie degli ultimi minuti di oggi, sabato 11 giugno. Il vice capo dell’intelligence militare ucraina Skibitsky ha aggiunto: “E’ una guerra di artiglieria. Tutto ora dipende da ciò che l’Occidente ci dà”. Francia pronta a intervenire per sbloccare il porto di Odessa. Incontro Papa-von Der Leyen: “comune impegno per porre fine alla guerra, attenzione agli aspetti umanitari e alle conseguenze alimentari del protrarsi del conflitto”, riferisce la Santa Sede. La Russia è aperta al dialogo, ma “bisogna essere in due per ballare il tango”, dice Lavrov.


COSA È SUCCESSO IERI


Guerra Russia Ucraina, le ultimissime notizie di oggi 11 giugno: la diretta

Il vice capo dell’intelligence militare ucraina, Vadym Skibitsky, ha affermato che Kiev sta perdendo in prima linea e ora dipende quasi esclusivamente dalle armi provenienti dall’Occidente per tenere a bada la Russia. La Francia è “pronta a partecipare ad un’operazione” per “sbloccare il porto di Odessa”, secondo una fonte dell’Eliseo. Intanto, secondo l’intelligence britannica, a Severodonetsk i russi non riescono ad avanzare. Il vice-capo degli 007 ucraini lancia un appello dal Guardian: “Stanno finendo le munizioni”.

La Russia è aperta al dialogo, ma “bisogna essere in due per ballare il tango”. Così il ministro degli Esteri russo Serghei Lavrov, come riporta la Tass, rispetto alla via diplomatica come soluzione al conflitto in Ucraina. Nei commenti rilasciati alle tv russe in occasione del 350mo anniversario dalla nascita di Pietro il Grande, il presidente russo Vladimir Putin si è paragonato allo zar tracciando un parallelo tra quelle che ha descritto come le loro due imprese storiche gemelle per riconquistare le terre russe. L’Ue accelera sul via libera alla concessione dello status di candidato all’Ucraina. In Italia, il sottosegretario di Stato Gabrielli respinge le accuse di dossieraggio dell’intelligence.

Microsoft chiude gli uffici in Russia, a casa 400 dipendenti

Lo riferisce Bloomberg. Per il colosso di Redmond il paese rappresenta l’1% delle entrate globali dell’azienda. A più di tre mesi dall’invasione dell’Ucraina, dopo aver bloccato la vendita di prodotti e servizi nel Paese a inizio marzo, ha deciso di chiudere del tutto i suoi uffici.

Ucraina, Biden: Putin vuole cancellare nazione e sua cultura

Vladimir Putin sta cercando di cancellare non solo la nazione dell’Ucraina ma anche la sua cultura. Lo afferma il presidente americano Joe Biden nel corso di una raccolta fondi, durante la quale spiega che il presidente russo vede la capitale Kiev come la “sede della Madre Russia”. Biden quindi osserva come il presidente dell’Ucraina, Volodymyr Zelensky, e molti altri non hanno tenuto conto degli avvertimenti lanciati dagli Stati Uniti su una possibile invasione della Russia. “Zelensky non ha voluto sentire, in molti non hanno voluto sentire”, mette in evidenza il presidente Usa.

Ucraina, Gb: russi non fanno progressi a Severodonetsk

“Al 10 giugno, le forze russe intorno a Severodonetsk non hanno fatto progressi nel quadrante Sud della città. Sono in corso combattimenti strada per strada ed è probabile che entrambe le parti registrino un alto numero di morti e feriti“: così l’intelligence britannica nel suo aggiornamento sulla guerra in Ucraina. “La Russia sta ammassando armi con l’artiglieria e l’aviazione nel tentativo di sopraffare le forze ucraine“, aggiungono gli 007 di sua Maestà.

Guerra Ucraina, le armi fornite finora a Kiev e quelle richieste

Dall’Ucraina è arrivato l’ennesimo appello agli alleati a fornire le armi necessarie per respingere l’invasione di Mosca. Dall’inizio del conflitto, le forniture occidentali sono cresciute: dopo gli equipaggiamenti non letali – giubbotti antiproiettile, elmetti, visori notturni – si è passati a pezzi di artiglieria, sistemi anticarro e antiaereo, carri armati e missili.

Biden: Zelensky non ci volle ascoltare sull’invasione russa

Il presidente degli Stati Uniti, Joe Biden, ha affermato che il suo omologo ucraino, Volodymyr Zelensky “non volle ascoltare” gli avvertimenti americani prima dell’invasione russa dell’Ucraina. “Lo so che molti pensavano stessi esagerando – ha detto Biden – ma sapevo che avevamo le informazioni a sostegno dell’analisi”. Putin, ha aggiunto Biden, “avrebbe superatola frontiera. Non c’era alcun dubbio, e Zelensky non volle ascoltare, così come molte altre persone. Ne capisco il motivo, ma alla fine Putin lo ha fatto”

Articoli correlati

Back to top button