Guerra

Guerra Russia-Ucraina, quarto giorno di conflitto | TUTTE LE NOTIZIE IN DIRETTA

Quarta notte di paura e combattimenti in Ucraina

Guerra tra Russia Ucraina, tutte le ultimissime notizie degli ultimi minuti di oggi, domenica 27 febbraio. Quarto giorno di guerra in Ucraina, dopo l’inizio dell’invasione da parte delle truppe russe, sempre più vicine alla capitale Kiev. Le sirene d’allarme hanno risuonato in due città nel nord-ovest dell’Ucraina, Rivne e Lutsk, poco prima delle 6 di mattina ora locale. Lo riferisce la Bbc. I cittadini sono stati invitati a raggiungere un rifugio.


COSA È SUCCESSO IERI


Guerra Russia Ucraina, le ultimissime notizie degli ultimi minuti di oggi

“Se io fossi stato presidente, questo non sarebbe accaduto”. Non usa mezzi termini Donald Trump. La sua presidenza è stata la sola, nel 21esimo secolo, durante la quale la Russia non ha invaso un altro Paese. “Con Bush, la Russia invase la Georgia” dice l’ex inquilino della Casa Bianca dal palco della Conservative Political Action Conference, a Orlando in Florida. “Con Obama, la Russia invase la Crimea. Con Biden, la Russia ha invaso l’Ucraina”.

Boicottare la vodka. In segno di protesta contro l’invasione in Ucraina, Stati Uniti e Canada si scagliano contro il drink russo per eccellenza.  “Svuotate tutte le bottiglie di vodka russa e, insieme a munizioni e missili, speditele vuote in Ucraina affinché possano essere usate come bombe Molotov“, ha twittato il senatore repubblicano Tom Cotton.

guerra-russia-ucraina-cosa-sono-articolo-4-5-nato-perche-italia-cosa-succede

Il conflitto e le sanzioni “si ripercuoteranno molto pesantemente sulle imprese italiane”, avverte Confartigianato. Nel 2021, spiega, sui mercati di Mosca e Kiev l’Italia ha venduto prodotti per 9.809 milioni di euro e ne ha importati per 17.273 milioni. “Rischiano di ripetersi le gravi conseguenze economiche derivanti dal conflitto russo-ucraino scoppiato nel 2014 con la crisi di Crimea”.

Guerra in Ucraina, in Italia rischio inflazione e 4 miliardi di consumi in meno

Secondo un’analisi di Confesercenti, l’invasione russa potrebbe avere un impatto rilevante sull’economia italiana. Il maggior costo delle materie prime importate e dell’energia potrebbe portare il tasso di inflazione a toccare il 6% nel 2022, determinando un calo dei consumi. Anche il turismo si avvia a un netto calo di presenze nel nostro Paese.

Colpiti depositi di petrolio

Il deposito petrolifero di Vasylkiv, a circa 40 chilometri a sud da Kiev, è in fiamme. Secondo la sindaca della cittadina, Natalia Balasynovych, la città e l’aeroporto hanno subito pesanti bombardamenti dai missili russi, riporta il Kyiv Independent. Secondo la Cnn, le due grandi esplosioni che hanno illuminato il cielo di Kiev poco fa si sarebbero verificate proprio intorno a Vasylki.

Dall’Italia anche aiuti militari all’Ucraina

Non solo elmetti e giubbotti, ma anche aiuti di carattere militare dovrebbero arrivare dall’Italia all’Ucraina. Dopo il decreto approvato venerdì, un nuovo provvedimento dovrebbe essere in arrivo nei prossimi giorni: l’ipotesi è sempre quella di un decreto ma stavolta per dare semaforo verde all’invio di materiale che permetta agli ucraini da difendersi dall’attacco russo.


guerra-ucraina-russia-elon-musk-super-internet-starlink-cos-e


Elon Musk regala super internet all’Ucraina

Elon Musk aiuta l’Ucraina, in guerra contro la Russia dopo l’invasione ordinata da Mosca. Il magnate mette a disposizione di Kiev il suo ‘super internet‘ rispondendo all’appello del vice primo Mykhailo Fedorov. “Elon Musk, mentre cerchi di colonizzare Marte, la Russia cerca di occupare l’Ucraina! Mentre i tuoi razzi rientrano con successo dallo spazio, i razzi russi attaccano la popolazione civile ucraina! Ti chiediamo di mettere a disposizione dell’Ucraina le stazioni Starlink e di arrivare ai russi sani di mente affinché prendano posizione“, l’appello di Fedorov, nato dopo i crescenti problemi di comunicazione via internet registrati nel Paese dopo l’invasione russa. Musk non ha ignorato la richiesta e ha risposto: “Il servizio Starlink è ora attivo in Ucraina. Altri terminal sono in arrivo”.

Gazprom: “Fornitura a Europa continuerà regolarmente”

Gazprom continuerà a fornire gas russo per il transito in Europa attraverso il territorio ucraino come di consueto. Lo ha detto ai giornalisti il portavoce Sergey Kupriyanov, secondo quanto riporta la Tass. Il flusso, è stato spiegato, resterà “in conformità con le richieste dei consumatori europei, pari a 107,5 milioni di metri cubi al 27 febbraio”.


crisi-gas-ue-accusa-russia-gazprom


Nelle scorse ore l’Italia aveva dichiarato lo stato di pre-allarme per gas a causa della guerra Russia-Ucraina: si trattava di un primo step di tre e che prevede solo un monitoraggio della situazione.

“Dopo Hitler sconfiggeremo Putin”

Guerra Ucraina-Russia, ”insieme sconfiggeremo Putin come abbiamo sconfitto Hitler”. Lo assicura il ministro degli Esteri ucraino Dmytro Kuleba su Twitter, rivolgendosi agli ”stranieri disposti a difendere l’Ucraina e l’ordine mondiale come parte della Legione Internazionale di Difesa Territoriale dell’Ucraina”. Kuleba ha rivolto a loro un ”invito a contattare le missioni diplomatiche straniere dell’Ucraina nei vostri paesi. Insieme abbiamo sconfitto Hitler e sconfiggeremo anche Putin”.

Si è creata “una legione internazionale” di volontari dall’estero “per la difesa territoriale” di Kiev, ha detto stamane il presidente ucraino Volodymyr Zelensky, spiegando che “questo dimostra chiaramente il sostegno al nostro Paese”.

Guerra in Ucraina, autobus con profughi giunto a Trieste

Un autobus con targa ucraina con una cinquantina di persone a bordo – donne e bambini e due uomini, di cui uno è l’autista – in fuga dalla guerra è giunto questa mattina al confine di Fernetti (Trieste). Ad attendere il bus c’erano le forze dell’ordine che hanno effettuato i regolari controlli di frontiera. Sono diretti tutti a casa di amici o di conoscenti, prevalentemente al Nord tra Brescia, Vicenza, Milano. Qualcuno è diretto anche a Roma.

Minsk ospiterà armi nucleari se lo farà la Polonia

Minsk inviterà Mosca a schierare armi nucleari in Bielorussia se gli Stati Uniti o la Francia le schiereranno in Polonia o in Lituania. Lo ha affermato il presidente bielorusso, Alexander Lukashenko, riferendo di una conversazione su questo tema avuta sabato con il presidente francese Emmanuel Macron. Secondo Lukashenko, le sanzioni contro la Russia sono “peggio di una guerra. Mosca viene spinta verso una Terza guerra mondiale”.


armi-nucleari-bielorussia-russia-cosa-succede


“Se fosse necessario schierare armi nucleari, potremmo farlo con l’attuale Costituzione – ha detto Lukashenko riferendo del suo colloquio con Macron. – Non ci sono ostacoli per noi in questo senso. Se gli Stati Uniti o la Francia, che è anche una potenza nucleare, inviassero armi nucleari in Polonia o in Lituania vicino ai nostri confini, non sarei in grado di fare lo stesso da solo. Non ho armi del genere. Ma dirò al presidente russo Vladimir Putin che mi piacerebbe riavere le armi nucleari che ho accettato di cedere senza alcuna precondizione”.

Putin ordina l’allerta del sistema difensivo nucleare russo

Anche Vladimir Putin minaccia di usare le armi nucleari. Le sanzioni che sta adottando l’Occidente nell’ambito della crisi ucraina sono «illegittime». Lo dice Vladimir Putin citato dall’agenzia russa Tass. Lo stesso Putin ha ordinato alle Forze armate di mettere in stato di massima allerta le forze di deterrenza nucleare, dopo «le dichiarazioni aggressive» da parte della Nato. Lo scrive l’agenzia di stampa russa Sputnik. Minsk inviterà Mosca a schierare armi nucleari in Bielorussia se gli Stati Uniti o la Francia le schiereranno in Polonia o in Lituania. Lo ha affermato il presidente bielorusso, Alexander Lukashenko, riferendo di una conversazione su questo tema avuta sabato con il presidente francese Emmanuel Macron. Secondo Lukashenko, le sanzioni contro la Russia sono “peggio di una guerra. Mosca viene spinta verso una Terza guerra mondiale”.

L’Ucraina denuncia la Russia alla Corte internazionale di giustizia dell’Aja

L’Ucraina ha denunciato la Russia alla Corte internazionale di giustizia dell’Aja. Lo ha annunciato il presidente ucraino Volodymyr Zelensky, affermando che “la Russia deve essere ritenuta responsabile per aver manipolato il concetto di genocidio al fine di giustificare l’aggressione” e chiedendo “una decisione urgente che ordini alla Russia di cessare l’attività militare adesso”. Secondo quanto scritto da Zelensky in un tweet le udienze potrebbero iniziare già la prossima settimana.



Questa mattina in un messaggio diffuso sui suoi canali social, Zelensky aveva accusato la Russia di aver colpito anche obiettivi civili: “Hanno mentito sul fatto che non avrebbero toccato i civili, ma dalle prime ore dell’invasione le truppe russe hanno attaccato le infrastrutture civili. Hanno deliberatamente scelto tattiche per colpire le persone e tutto ciò che rende la vita normale: elettricità, ospedali, case”, ha detto. E ancora: “La notte è stata brutale, sono state attaccate anche le ambulanze”.

L’Ucraina e la Russia avviano i colloqui per mettere fine alla guerra

In quello che potrebbe essere un momento di svolta nella guerra tra Russia e Ucraina, scoppiata dopo l’invasione delle truppe russe del territorio ucraino, delegazioni dei due Paesi hanno deciso di sedersi al tavolo delle trattative, a partire da oggi, in una località di confine in Bielorussia.

La trattativa che ha portato a questo punto è stata durissima, e si è svolta mentre il conflitto continuava, sul terreno. In mattinata Mosca aveva inviato un ultimatum al governo di Kiev: la delegazione russa aspetterà quella ucraina a Gomel, in Bielorussia, fino alle 15 di oggi (ora di Mosca, le 13 in Italia).

Articoli correlati

Back to top button