Almanacco

Il 27 dicembre del 1923 ci lascia Gustave Eiffel, ideatore della Statua della Libertà e della torre che prende il suo cognome

Storia della vita di Gustave Eiffel, l'ingegnere francese specialista in strutture metalliche, divenne famoso per la costruzione della Torre Eiffel e la Statua della Libertà

Alexandre Gustave Eiffel è stato un ingegnere e imprenditore francese. Specialista in strutture metalliche, divenne famoso per la costruzione della “Torre Eiffel” in occasione dell’Esposizione Universale di Parigi del 1889.

A lui si deve la concezione di una delle meraviglie assolute del mondo e l’appoggio determinante per la costruzione di uno dei simboli imperituri della democrazia e della libertà. Tra le tante citiamo anche l’idilliaca “Statua della Libertà”.

27 dicembre 1923: muore Gustave Eiffel, famoso per la costruzione dell’omonima Torre

Nato a Digione il 15 dicembre 1832 Alexandre Gustave Eiffel iniziò la sua attività lavorando dapprima con diverse imprese di costruzione e in un secondo tempo in proprio, come ingegnere consulente.

Gli inizi

Verso la metà del secolo cominciò a occuparsi di costruzioni in ferro, in relazione ai problemi suscitati dalla costruzione delle nuove ferrovie. Dal 1858 diresse i cantieri della compagnia di Bordeaux e costruì il viadotto sulla Garonna a Levallois-Perret. Nel 1867 costruì una propria azienda per la costruzione di laminati in acciaio diventando presto un tecnico di fama internazionale nell’impiego di questo materiale.


220px-Bordeaux_passerelle_Eiffel
Cartolina del ponte Saint-Jean sulla Garonna, opera di cui Eiffel fu il direttore dei lavori.

Circondatosi di abili collaboratori, iniziò un lavoro di sperimentazione sull’uso delle “travi reticolari”, partecipando alla realizzazione, come tecnico collaboratore, della galleria circolare per l’Esposizione parigina del 1867.

Primo edificio in ferro e il viadotto di “Garabit sulla Truier”

Nel 1876 assieme a Boileau costruì a Parigi il primo edificio in ferro e vetro, il “Magazin au Bon Marché”, situato in rue de Sèvres, e l’anno successivo il primo dei suoi grandi ponti in ferro: il ponte Maria Pia sul Duero a Oporto.


Signature_de_Gustave_Eiffel.svg
La firma di Gustave Eiffel.

Per l’Esposizione del 1878, eseguì i vestiboli e l’entrata sul lato della Senna dell’edificio principale.

Nel periodo 1880-1884 progettò e realizzò il viadotto di “Garabit sulla Truier”, opera di straordinaria concezione che già metteva in luce tutte le sue visionarie potenzialità.

La nascita della torre parigina

Ed è all’Esposizione del 1889 che Eiffel diede fondo alle sue idee visionarie costruendo la famosa torre parigina che ancora oggi porta il suo cognome, espressione completa di un’impostazione tecnica tesa a ottenere contemporaneamente alte qualità di flessibilità e resistenza con un minimo peso.


Caricature_Gustave_Eiffel
Caricatura pubblicata il 14 febbraio 1887 sul giornale Le Temps raffigurante Gustave Eiffel mentre sfiora con la mano destra la sommità della sua Torre.

Le notevoli dimensioni della torre, oltre alle qualità strutturali e al suo inserimento nel paesaggio urbano, suscitarono immediati e contrastanti giudizi da parte della cultura architettonica del periodo, influenzando però senza dubbio molte successive tecniche di progettazione.

Le sue dimensioni sono colossali e rappresentano davvero una delle sfide ingegneristiche più ardue mai realizzate.

La Tour entra nella leggenda

Alta 307 metri (ma contando l’antenna, supera i 320), pesa oggi, dopo un restauro consolidativo, 11mila tonnellate (in origine erano 7.500); è stata realizzata utilizzando 16mila travi d’acciaio e poggia su quattro enormi piloni di sostegno. Nonostante la sua imponente mole, la torre esercita sul terreno una pressione di soli 4 kg per cmq, inferiore a quella di un uomo seduto su una sedia.


Gustave_Eiffel_1888_Nadar2


Dal 1985, la Tour Eiffel è stata poi dotata di una meravigliosa illuminazione, realizzata con lampade al sodio, che contribuisce a rendere quello scorcio di Parigi un paesaggio di rara suggestione.

La Statua della Libertà

La realizzazione della Statua della Libertà ebbe invece una gestazione più complessa e stratificata in diversi rivoli, a partire dalle responsabilità per la progettazione. L’idea per una statua celebrativa prese piede nel 1865, come monumento simbolo dell’amicizia Franco-Americana.


Gustave_Eiffel


Del disegno si occupò lo scultore francese Frederic August Bartholdi mentre per progettare il supporto interno e le intelaiature venne chiamato proprio Gustave Eiffel.

Dopo i travagli dovuti alla non facile costruzione il 4 luglio 1884 l’Unione Franco-Americana tenne una cerimonia per la presentazione del monumento, poi la statua venne smontata, i pezzi imballati e inviati via mare agli Stati Uniti, dove giunse all’Isola della Libertà il 19 giugno 1885.

Morte


Louis-Emile_Durandelle,_The_Eiffel_Tower_-_State_of_the_Construction,_1888
Louis-Emile Durandelle, La Torre Eiffel (23 novembre 1888), Getty Center, Los Angeles.

Dopo il 1900 Eiffel si occupò di aerodinamica portando a compimento le sue ricerche con la costruzione della prima “galleria a vento”. Gustave Eiffel morì nella sua amata Parigi il 27 dicembre 1923.

Antonio Bassano

Giornalista pubblicista dal 2017, ma anche eterno appassionato di lotta, pittura, street photography e del mondo otaku. Cresciuto giornalisticamente grazie al quotidiano L'Occhio di Francesco Piccolo, Antonio Bassano ha un approccio alla professione letterario semplice e spontaneo, nonché orientato a mettere a nudo la notizia senza commistioni o forzature.

Articoli correlati

Back to top button