Cronaca

Identificato un corpo mummificato sul ghiacciaio: apparteneva a un alpinista disperso da 32 anni

A dare il responso i test sul DNA, condotti dopo il ritrovamento dei resti da parte di due escursionisti francesi

È stato identificato il corpo mummificato su un ghiacciaio sulle Alpi svizzere. Il corpo era di un alpinista disperso 32 anni fa. L’analisi e l’identificazione è stata possibile solo grazie all’analisi del DNA.

Identificato il corpo mummificato sul ghiacciaio

I resti mummificati, trovati il 26 luglio scorso sul ghiacciaio Stockji (3.092m), a Zermatt, sulle Alpi svizzere, sono di un alpinista tedesco che risultava disperso da 32 anni. È il risultato dei test sul DNA condotti dopo il ritrovamento da parte di due alpinisti francesi che percorrevano l’Haute Route, l’itinerario alpinistico che da Chamonix (Francia) giunge a Zermatt (Svizzera).

Le ricerche

Nell’agosto del 1990 l’uomo, al tempo 27enne, aveva intenzione di partire da Chamonix per arrivare a Domodossola, passando attraverso le Alpi del Vallese. Come riporta la polizia del Canton Vallese, non era mai arrivato a destinazione e le ricerche, all’epoca, non avevano avuto successo. “Il ritiro dei ghiacciai fa emergere sempre più resti di alpinisti scomparsi da diversi decenni”, ha chiarito la polizia cantonale.

Articoli correlati

Back to top button