Cronaca

Torino, resta impigliato nella porta dell’autobus che lo travolge, 70enne muore investito

L’anziano era rimasto incastrato con un braccio nella porta del mezzo

Un signore anziano di Torino è rimasto impigliato nella porta centrale dell’autobus che lo ha investito dopo averlo trascinato per alcuni metri. Un incidente orribile quello che ha ucciso Giuseppe Pesce, un uomo di 70 anni, residente a Torino. È proprio nel capoluogo piemontese che questa mattina l’anziano è rimasto vittima dell’investimento costatogli la vita.

Torino, resta impigliato nella porta dell’autobus, 70enne muore investito

L’allarme è scattato intorno alle 11 di oggi, 24 agosto: l’autobus 14 della Gtt stava percorrendo via Artom, nella periferia meridionale di Torino quando ha rallentato nei pressi di una fermata per far scendere i passeggeri. Tra questi c’era anche il 70enne: l’uomo, originario dell’Argentina, aveva una stampella e probabilmente per questo ha impiegato qualche secondo in più per abbandonare l’autobus. Ciò che è chiaro però è che l’autista probabilmente non si è accorto che l’anziano non aveva completato la discesa ed è ripartito.

I soccorsi

Sul posto sono giunti i soccorritori del 118 ma i tentativi di rianimazione del personale sanitario sono stati inutili e l’uomo è morto poco dopo il loro arrivo. Gli agenti della squadra infortunistica del reparto radiomobile della polizia locale hanno svolto gli accertamenti del caso prima di ascoltare le testimonianze dei passeggeri e di verificare quanto ripreso dalle telecamere a bordo del mezzo.

Articoli correlati

Back to top button