Cronaca

Incendio a Brescia, pianto di un bambino salva una famiglia

In quel momento si è accorto di una strana puzza di bruciato che proveniva dalle scale del palazzo

Dramma di Natale sfiorato in provincia di Brescia dove un uomo si è accorto di un incendio grazie al pianto del figlio. Si chiama Nicola il protagonista di questa storia: il suo sonno è stato interrotto dal pianto di uno dei suoi dei figli. Un pianto che ha salvato la vita all’intera famiglia.

“Voleva dormire con noi nel lettone”, racconta Nicola, la cui compagna è incinta del loro terzo bambino. Vivono al terzo piano della palazzina di Urago Mella, in provincia di Brescia, che nella notte tra mercoledì 21 e giovedì 22 dicembre ha rischiato di venire distrutta da un incendio.

Incendio a Brescia, famiglia salvata dal pianto di un bambino

Il padre di famiglia si è accorto del rogo proprio grazie ai capricci del figlio. Così, infatti. si è reso conto di cosa stava accadendo. Ha portato in salvo la famiglia, riuscendo a far uscire dall’appartamento anche la donna che viveva accanto, rimasta bloccata in camera da letto.

Una volta sveglio, racconta Nicola, “ho subito avvertito una puzza di plastica bruciata”. In un primo momento non gli ha prestato particolare attenzione, finché “sono tornato nella camera da letto ho percepito lo stesso odore e ho capito che arrivava dalla porta d’ingresso”.

Aperto il portone, Nicola si accorge che nelle scale il fumo è tanto e denso. “Ho chiamato i vigili del fuoco”, spiega ancora, “nel frattempo ho svegliato i miei familiari e con la mia compagna, incinta, ci siamo vestiti“. Ormai tratta in salvo la propria famiglia, ripensa a quella donna che vive sul loro stesso pianerottolo e che probabilmente stava ancora dormendo.

Articoli correlati

Back to top button