Cronaca

Manuel e Chiara morti in un incidente, i nonni dei cinque bimbi rimasti orfani: “Lasciateli con noi”

Manuel e Chiara morti nell'incidente a Pordenone: lasciano 5 figli. Fatale il fontale tra la vettura su cui viaggiavano e un camion

Si chiamavano Manuel Cari Chiara Materassi, avevano 29 e 24 anni e sono morti in un terribile incidente avvenuto a Pordenone nel pomeriggio di lunedì 28 marzo. I due giovani hanno perso la vita nel sinistro stradale avvenuto lungo la provinciale 53: fatale lo schianto frontale tra la vettura su cui viaggiavano le due vittime e un camion che procedeva nella direzione opposta.

Incidente a Pordenone, morti Manuel e Chiara: lasciano 5 figli

Una tragedia nella tragedia: Manuel e Chiara avevano cinque figli, ora orfani. Lo schianto è stato tanto terribile da distruggere completamente la vettura senza lasciare scampo a Manuel e Chiara che sono morti praticamente sul colpo. Per i due inutili i successivi soccorsi medici del Suem 118 seppur tempestivi.

La tragedia

Vista la gravità dei fatti, dalla centrale era stato allertato anche l’elisoccorso ma purtroppo è ripartito vuoto visto che i medici hanno solo potuto constatare la morte della coppia dopo che i vigili del fuoco l’hanno liberata dalle lamiere contorte del mezzo.

L’appello dei nonni

Paolo Cari e Barbara Braidich, di 56 e 52 anni, avranno un compito difficile: spiegare ai nipotini che i loro genitori non ci sono più. Dovranno cercare le parole giuste che, al momento, nessuno della cerchia dei familiari ha ancora trovato. E avranno un compito ancora più difficile: crescere nel migliore dei modi cinque bambini. Con lo stesso amore e la stessa premura che avrebbero avuto il loro papà e la loro mamma. Il momento è difficile. La morte di Manuel e Chiara dev’essere ancora metabolizzata: un processo che richiederà tempo e pazienza. I nonni, inoltre, temono di perdere i bambini.

Sono cresciuti con noi – spiega il nonno al telefono – Non devono portarli via, non devono dividerli». «I bambini – lo sostiene l’avvocato Maurizio Mazzarella che tutela la famiglia – sono intoccabili, devono restare nell’ambiete in cui sono cresciuti, tutta la famiglia è pronta a sostenere i nonni”.

Articoli correlati

Back to top button