Curiosità

Influenza autunnale 2019: cos’è e come curarsi al meglio per guarire in fretta

Influenza autunnale 2019: Quali sono i fattori scatenanti, i sintomi e cosa fare per evitare di ammalarsi con i primi freddi di settembre.

Influenza autunnale 2019: quali sono i sintomi

L’influenza è una malattia infettiva debilitante per l’intero organismo, provocata da virus appartenenti al genere Orthomixovirus. Nell’arco della vita, probabilmente tutti noi siamo stati colpiti più volte da questo malessere: vediamone insieme gli aspetti principali.

sintomi influenzali possono manifestarsi con diversi gradi di intensità, i quali si estendono da leggere sindromi parainfluenzali, fino ad arrivare a gravi patologie respiratorie che possono compromettere seriamente la salute. Tra i sintomi più comuni ricordiamo:

  • Dolori articolari o muscolari
  • Brividi
  • Febbre
  • Tosse
  • Spossatezza
  • Mal di gola o raffreddore
  • Mal di testa
  • Sudorazione

Influenza settembre 2019: i fattori scatenanti

I fattori scatenanti dell’influenza autunnale in questo mese di settembre 2019 sono principalmente due:

  • la prima causa è psico-emotiva ed è determinata sovente dal rientro delle vacanze, ovvero da una situazione di relax, preceduta da una condizione di stress e affaticamento e seguita da sensazioni di malinconia e sbalzi umorali (il ritorno alla quotidianità non è quasi mai piacevole).
  • la seconda causa è ambientale e dipende prevalentemente dagli sbalzi di temperatura, che soprattutto nel mese di settembre, possono essere fatali.

Quanto dura l’influenza e come curarsi

Generalmente la durata totale di un’influenza, comprensiva del suo decorso, è di 7 giorni in un adulto e di 10 giorni in un bambino. Terminato questo lasso di tempo, si conclude anche il periodo di convalescenza e ci si può considerare guariti ed i sintomi spariti da qualche giorno.

Ci sono diversi tipi di cura antinfluenzale, sia naturali che medicinali. È bene sapere che l’influenza, specialmente nei suoi casi più lievi, è meglio che faccia il suo percorso fino al termine, sfumando con il passare del tempo senza intervenire con cure farmacologiche pesanti.

Se proprio si sta male si può prendere un antipiretico, come ad esempio il paracetamolo. Il ricorso agli antibiotici è sconsigliato, a meno che non siano stati prescritti dal medico curante in condizioni particolari.

Cure naturali e alimentazione

Possono essere d’aiuto anche i fumi, utili per liberare le vie respiratorie, e, sopratutto, l’assunzione di molti liquidi, acqua soprattutto, ma anche tè e tisane vanno bene, meglio se non troppo calde.

Altro valido supporto, che non può mancare quando si è influenzati, è il brodo di pollo, che aiuta a darci forza e influisce positivamente su muco e catarro. In caso di evidente spossatezza, il consumo di frutta secca può aiutare a recuperare le energie in modo più rapido.

Articoli correlati

Back to top button