Inps: la domanda per l’indennità Covid-19 relativa a maggio 2020 è online

inps-domanda-bonus-autonomi-maggio

Inps, bonus autonomi maggio: la domanda è online. Ecco chi ne ha diritto e come chiederla. Per maggio 2020 spetta un’indennità di 1.000 euro

Inps: è online la domanda per richiedere il bonus autonomi di maggio. Per marzo e aprile 2020 spetta un’indennità di 600 euro, per maggio 2020 il contributo sale a 1.000 euro. Per maggio, oltre alla partita IVA, attiva alla data del 19 maggio 2020, occorre dimostrare di aver subìto una perdita di reddito del 33% nel secondo bimestre 2020 rispetto al secondo bimestre 2019. Per la domanda all’INPS è sufficiente allegare un’autocertificazione. In fase di istruttoria l’INPS verifica con l’Agenzia delle Entrate il possesso del requisito.

Inps, bonus autonomi maggio: la domanda è online

È attivo il servizio online per la presentazione delle domande per l’indennità Covid-19 relativa al mese di maggio 2020. La misura straordinaria di sostegno è stata introdotta dal decreto Rilancio (articolo 84, commi 2, 3 e 6, decreto-legge 19 maggio 2020, n. 34) per supportare i lavoratori in condizioni di difficoltà economica causata dall’emergenza epidemiologica da Covid-19.

A chi spetta il bonus?

Il beneficio economico, erogato dall’INPS, non concorre alla formazione di reddito ed è riconosciuto a:

  • liberi professionisti con partita IVA, compresi partecipanti a studi associati/società semplice;
  • collaboratori coordinati e continuativi. Per questa categoria di lavoratori non occorre presentare una nuova domanda, se si è già fruito del bonus relativo a marzo e aprile;
  • lavoratori stagionali del turismo e degli stabilimenti termali. Anche in questo caso, non è necessaria una nuova domanda, se si è già fruito del bonus per marzo e aprile.

Indennità liberi professionisti

Per marzo e aprile 2020 spetta un’indennità di 600 euro, per maggio 2020 spetta un’indennità di 1.000 euro. A tali indennità possono accedere, per marzo ed aprile, i liberi professionisti con partita IVA attiva alla data del 23 febbraio 2020, iscritti alla Gestione Separata e non iscritti ad altre forme previdenziali obbligatorie, che non siano titolari di un trattamento pensionistico diretto, ad eccezione dell’assegno ordinario di invalidità.


Il link per presentare la domanda


 

TAG