CronacaEconomia

Inps presenta il simulatore della pensione: giovani in pensione a 70 anni

In pensione anticipata a settant'anni e a riposo per vecchiaia a 70 anni e sei mesi, sempre che si abbiano contributi di almeno 46 anni e 4 mesi nel primo caso e oltre 20 anni nel secondo

Il simulatore dell’Inps per calcolare a che età si andrà in pensione non dà molte speranze ai giovani. Nelle scorse ore, infatti, l’Istituto Nazionale di Previdenza sociale ha reso disponibile sul proprio sito web una nuova versione del simulatore “Pensami – Pensione a misura“, che consente ai cittadini di calcolare le proprie prospettive pensionistiche senza la necessità di effettuare alcuna registrazione.

Pensione, l’Inps presenta il simulatore: brutte notizie per i giovani

Lo si legge in una nota nella quale si sottolinea che il simulatore, che può essere utilizzato inserendo pochi dati anagrafici e relativi alla contribuzione, fornisce informazioni riguardanti le pensioni cui è possibile accedere sia nelle singole gestioni previdenziali, sia cumulando tutta la contribuzione, ma non gli importi delle prestazioni.

In pensione anticipata a settant’anni e a riposo per vecchiaia a 70 anni e sei mesi, sempre che si abbiano contributi di almeno 46 anni e 4 mesi nel primo caso e oltre 20 anni nel secondo: è quanto accadrà a una persona che ha oggi 25 anni e ha iniziato a lavorare da un anno, secondo quanto risulta dal simulatore Inps Pensami, per il quale se gli anni di contributi sono meno di 20 anni ma più di 5 l’attesa per la pensione di vecchiaia si prolungherà fino a 74 anni e 10 mesi.

Gli over 30

Per i trentenni la situazione è di poco migliore con la pensione di vecchiaia per un lavoratore nato nel 1990 a 70 anni con 20 anni di contributi e a riposo con quella anticipata con 45 anni di contributi versati a prescindere dall’età.

Articoli correlati

Back to top button