Stasera in TV

Io prima di te: Jojo Moyes racconta che il suo romanzo è ispirato ad una storia vera

Stasera su Tv 8 (canale 8) va in onda il film Io Prima di Te. Il film, che racconta la love story tra Louisa e Will, è ispirata ad una storia vera

Stasera su Tv 8 (canale 8) va in onda il film Io Prima di Te. Il film, che racconta la love story tra Louisa e Will, è ispirata ad una storia vera. Il film è tratto dal romanzo di Jojo Moyes che ha raccontato che l’idea del romanzo è nata da una sua esperienza personale.

Io prima di Te: la trama

Io prima di Te racconta la storia di Louisa e Will. Louisa è una ragazza di 26 anni che, per sostenere economicamente la propria famiglia, si trova a lavorare come assistente di Will. Will è un giovane e ricco banchiere la cui esistenza è andata in frantumi dopo un incidente che lo ha costretto a vivere su una sedia a rotelle. Louisa sarà determinante per far scoprire a Will come il suo futuro possa ancora essere ricco di soddisfazioni e felicità. Ma qual è la storia vera a cui è ispirato il film?

Io prima di Te è ispirato ad una storia vera

La storia di Will raccontata in Io prima di te non è tutto frutto della fantasia della scrittrice Jojo Moyes. La scrittrice ha recentemente confessato che l’idea per il romanzo è nata prima attraverso l’esperienza personale. Due suoi familiari infatti hanno avuto bisogno in passato di assistenza 24 ore al giorno, ma quando poi un giorno ha ascoltato per radio la storia di uno sportivo di talento diventato tetraplegico dopo un incidente allora si è decisa a scrivere questo romanzo. Il ragazzo in questione ha impiegato diversi anni per convincere i genitori a porre fine alla sua vita attraverso un’associazione. La scrittrice non sapeva cosa pensare di questa decisione, così ha iniziato a fare ricerche sull’eutanasia concludendo che il messaggio del suo libro, e quindi del film, è: “Non giudicare mai”.

Io prima di Te nasce da un fatto di cronaca

La scrittrice racconta: “Avevo una situazione familiare al momento  della stesura del libro in cui  due membri della famiglia richiedevano cure 24 ore al giorno” ha detto in un’intervista. “E penso che se tu vivi con quel tipo di situazione vicino a te, sei molto consapevole di come cambi la qualità della vita e di quello che è il diritto di morire con dignità. Ma è stato quando un giorno ha sentito una storia alla radio che il personaggio di Will ha davvero iniziato a prendere vita. In quello stesso periodo ho sentito una notizia su un giovane sportivo che era diventato tetraplegico dopo un incidente e che aveva convinto, diversi anni più tardi,  i suoi genitori a portarlo nella clinica Dignitas, e non sono più riuscita a togliermela dalla testa”.

“Mi sono messa nei suoi panni, in quelli di sua madre e di qualcuno che voleva fargli cambiare idea”

“Non riuscivo a capirlo e io sono una di quelle persone che se non capisco una cosa devo leggere quanto più possibile sullo stesso argomento. Più leggevo e più mi sono resa conto che non è una questione di bianco e nero, che non c’è necessariamente giusto e sbagliato riguardo a questo argomento e credo che, come scrittore, è questo che mi ha affascinata”. E questa sua riflessione è diventata ben presto la base per Io prima di te: “Così quello che volevo fare era di scrivere la storia di un uomo inflessibile che prende una decisione con la quale nessun altro intorno a lui è d’accordo e mi sono messa nei suoi panni, in quelli di sua madre, e di qualcuno che forse voleva fargli cambiare idea.”

Dove vedere Io prima di Te?

Il film Io prima di Te va in onda stasera, martedì 1 giugno, su Tv 8 (Canale 8) alle 21.30

 

Articoli correlati

Back to top button