Cronaca

Iran, giovani manifestanti condannati a morte: anche un disabile di 22 anni e un 18enne

Khamenei ieri aveva dichiarato: "Le donne che non indossano l’hijab correttamente non sono contro la religione”

In Iran, altri giovani manifestanti sono stati condannati a morte. Tra questi ci sono anche un ragazzo disabile di 22 anni e un 18enne. La condanna arriva dopo la liberazione della famosa attrice Taraneh Alidoosti.

Iran, giovani manifestanti condannati a morte

L’ayatollah Ali Khamenei, che nelle ore della liberazione della famosa attrice Taraneh Alidoosti aveva dichiarato che “le donne che non indossano l’hijab correttamente non sono contro la religione”. Ma nonostante ciò, continua la repressione in Iran nei confronti di chi manifesta contro le imposizioni del regime. Continuano le condanne pesanti nei confronti dei manifestanti, dopo le prime esecuzioni capitali. E tra coloro che rischiano di finire nelle mani del boia ci sono anche un 18enne e un 22enne disabile.

Le condanne

Un tribunale nella città di Zahedan, secondo quanto riferito anche dall’organizzazione che lotta per i diritti umani in Iran Hrana, ha infatti condannato a morte il 22enne disabile con l’accusa di “corruzione sulla Terra”. Mansour Dahmardeh, di etnia beluci, è stato processato il 3 gennaio ma è stato informato della sentenza solo due giorni dopo. “Mansour ha confessato di aver lanciato delle pietre e dato fuoco a una gomma, ma il giudice ha risposto che chiunque protesti contro l’autorità di Khamenei sarà condannato a morte”, ha riferito una fonte.

Il pugno di ferro del regime non si è fermato qui. Un altro tribunale, a Mazandaran, ha condannato a morte il 18enne Arshia Takdestan, uno dei detenuti delle recenti proteste nella città di Nowshahr “con l’accusa di guerra e corruzione”. Lo riporta Mizan, l’agenzia di stampa giudiziaria iraniana, ripresa da diversi media internazionali, tra cui Bbc Persian. La sentenza di primo grado può comunque essere impugnata dinanzi alla Corte Suprema.

Articoli correlati

Back to top button