Curiosità

Nomi per bambini, non tutti sono permessi: ecco cosa vieta la legge

I nomi vietati dalle legge: ecco come non è possibile chiamare i figli

Ci sono alcuni nomi vietati dalla legge. Non è possibile infatti chiamare i propri figli in ogni modo possibile anche se le scelte certamente non mancano. Ci sono alcuni nomi con i quali non è possibile registrare i propri figli dopo la nascita, scopriamo quali sono.

In Italia una delle norme che regolano il nome è stata aggiornata nel 2000 (Dpr 396) da un precedente provvedimento del 1939. Non si può imporre a un bambino lo stesso nome del padre (come in America con il “Jr.”), come anche di fratelli o sorelle viventi.

I nomi vietati dalle legge: no al nome di genitori e fratelli

In primo luogo non è possibile dare ai figli il proprio nome, quindi quello dei genitori, né quello dei fratelli, per motivi di praticità burocratica. Nel caso del nome dei genitori, è concessa l’eccezione del “Junior” come accade negli Stati Uniti d’America.

No ad alcuni nomi provenienti dalla letteratura

Banditi anche alcuni nomi provenienti dalla letteratura come Dracula Biancaneve. È decaduto il divieto per i termini geografici, anche se c’era tolleranza, ad esempio, per “Italia”; “Asia” era accettato in quanto nome della ninfa greca figlia di Oceano e Teti, madre di Prometeo.

I nomi dei personaggi storici

Ovviamente non è possibile chiamare i propri figli con nomi di determinati personaggi storici come, ad esempio, Adolf Hitler Iosif Stalin.

No a nomi non consoni al genere del nascituro

Un maschio non può essere chiamato con un nome femminile e, viceversa, una femmina non può essere chiamata con un nome maschile. Resta l’eccezione per alcuni nomi come, ad esempio, Andrea, “adattabile” ad entrambi i generi.

Vietati nomi inventati

Alla fantasia individuale viene posto un freno dalla legge: in caso di nome particolarmente originale, viene chiesto ai genitori da dove questo tragga ispirazione.

Non più di tre nomi

In passato, non era inusuale per una persona avere molti nomi. Per questioni burocratiche, tuttavia, si è deciso di fissare a tre i nomi possibili che può avere una singola persona.

Vietati i nomi ridicoli

La legge inoltre vieta l’utilizzo di nomi inerenti a difetti fisici o psicologici che potrebbero suscitare ilarità.

Articoli correlati

Back to top button

Individuato Adblock




Per visualizzare il sito
Disattiva AdBlock

L'Occhio Network è un giornale gratuito e per coprire le spese di gestione la pubblicità è l'unica fonte di sostegno.
Se vuoi che L'Occhio Network continui ad essere fruibile gratuitamente non bloccare le pubblicità.
Grazie di supporto