Gossip

Kledi suo social: “Mio figlio Gabriel è malato”

Il ballerino racconta il calvario che sta vivendo con sua moglie Charlotte

Kledi Kadiu ha deciso sui social il dramma familiare che sta vivendo: suo figlio Gabriel è malato. Nel post pubblicato, il ballerino ha decisio di voler raccontare a tutti i suoi follower il calvario che stanno vivendo da tempo lui e sua moglie Charlotte Lazzari.

Il dramma di Kledi: il figlio è malato, l’annuncio sui social

Poche ore fa, Kledi Kadiu ha deciso sui social il dramma familiare che sta vivendo: suo figlio Gabriel è malato. Nel post pubblicato, il ballerino ha decisio di voler raccontare a tutti i suoi follower il calvario che stanno vivendo da tempo lui e sua moglie Charlotte Lazzari. I due hanno avuto il loro secondo bambino il 29 agosto del 2021. Il piccolo, che si chiama Gabriel, ha avuto però dei gravi problemi alla nascita. “A 13 giorni dal parto Gabriel ha manifestato febbre e forti convulsioni, espressione di una diagnosi piuttosto complessa: meningo-encefalite”.

Kledi ha definito la notizia della diagnosi, un processo infiammatorio del sistema nervoso che colpisce le meningi e l’encefalo, “l’inizio di un calvario che ci ha davvero messi a dura prova”. Il bambino è sopravvissuto e “dopo aver riaperto gli occhi, passo dopo passo e con l’audacia di un eroe ha messo in campo tutta la sua forza per riappropriarsi di ciò che questo brutto imprevisto gli ha tolto”.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Kledi Kadiu (@kledi)


Ha poi proseguito il ballerino: “Gabriel è tornato a casa dopo oltre un mese e mezzo di ricovero in terapia intensiva e tanti, tantissimi esami”. La coppia non si è, quindi, data per vinta e ha iniziato a lottare insieme al piccolo. “Abbiamo intrapreso un percorso di riabilitazione precoce. Non vogliamo nasconderci dietro alle parole fingendo che sia tutto semplice ma crediamo immensamente nella neuro plasticità, nella sconfinata forza di volontà del nostro piccolo guerriero, nella costanza e nell’amore come miglior stimolo all’apprendimento. Ed è proprio per questo che abbiamo deciso di condividere la nostra storia”.

Articoli correlati

Back to top button