Cronaca

Shock a Latina, bracciante chiede mascherina e protezioni, lui lo licenzia e lo pesta: arrestato imprenditore

Ha lasciato senza mascherine e guanti i braccianti, esponendoli al contagio da coronavirus. I fatti si sono verificati a Latina. Un bracciante ha chiesto al proprietario delle mascherine e protezioni, ma lui lo ha licenziato e pestato. Per l’imprenditore è scattato l’arresto.

Latina, bracciante chiede mascherine: imprenditore lo licenzia e pesta

La Polizia, su ordine del gip, ha arrestato oggi e messo ai domiciliari un imprenditore di Terracina di 52 anni e notificato al figlio, un 22enne, l’ordinanza con cui è stato sottoposto all’obbligo di firma in commissariato, entrambi accusati a vario titolo, di reati che vanno dall’estorsione alla rapina, fino alle lesioni personali aggravate.

Le indagini

Le indagini hanno avuto inizio quando un 33enne indiano si è presentato al pronto soccorso dell’ospedale con varie lesioni e fratture.

Gli accertamenti

Gli investigatori hanno accertato che il lavoratore era stato massacrato di botte dopo aver chiesto al proprio datore di lavoro i dispositivi di protezione individuali per difendersi dal Covid-19. I due indagati, entrambi incensurati, dopo aver negato al bracciante guanti e mascherine, lo avrebbero infatti licenziato e quando quest’ultimo ha chiesto almeno la paga per il lavoro svolto lo avrebbero ingiuriato, minacciato, preso a calci e pugni e gettato in un canale di scolo.


Tutte le notizie sul coronavirus

Il sito del Ministero della Salute

 

Articoli correlati

Back to top button