Cronaca

Legittima difesa: il primo ferito è un ragazzo di 16 anni

Legittima difesa: il primo ferito è un ragazzo di 16 anni albanese. Ieri è stato lasciato da un’auto davanti al policlinico Gemelli. In corso le indagini.

Legittima difesa: ferito un 16enne

In perfetto stile gangster, Enrico P., 16 anni, di nazionalità albanese, ieri è stato scaricato da un’auto davanti al policlinico Gemelli.

Ai carabinieri sono bastate poche ore, tuttavia, per risalire all’identità del ragazzo e alla dinamica del ferimento. A sparare cinque colpi sarebbe stato A.Pulone, 29 anni, figlio del noto astrofisico Luigi.

Proprio quest’ultimo risulta essere il proprietario della pistola utilizzata dal figlio, che in quel momento era nella casa di famiglia, a Monterotondo, con la fidanzata. Accortosi della presenza nella villetta di tre sconosciuti, Andrea si è spaventato moltissimo per il rischio che si accorgessero che anche lui era lì, e con la sua ragazza.

Così, secondo quanto ha raccontato ai carabinieri, avrebbe preso l’arma e fatto fuoco. «Ho sparato a dei ladri che sono entrati nella mia abitazione», ha detto il giovane al 112 pochi minuti dopo il tentato furto.

Secondo questa ricostruzione, quello del 16enne sarebbe quindi il primo caso di ferimento per legittima difesa dopo la promulgazione due giorni fa di un provvedimento specifico. Legge che però non è ancora in vigore e dunque, probabilmente, non potrà essere applicata.

Dinamiche al vaglio

Sono le 19 di venerdì quando tre persone, dopo aver forzato una porta finestra, si introducono all’interno dell’appartamento per rubare. Sentendo dei rumori sospetti, il 29enne prende la pistola e la punta contro gli intrusi. A questo punto, secondo quanto accertato fino a ora, Pulone avrebbe ordinato ai ladri di fermarsi e, subito dopo, avrebbe fatto fuoco contro di loro ferendo il 16enne nella zona inguinale.

Lesioni gravi che avrebbero fatto perdere al giovane molto sangue. Dopo la sparatoria i tre sarebbero fuggiti su un’auto in direzione di Roma per poi abbandonare Enrico in ospedale alle 20 circa.

Al momento l’inchiesta dei militari dell’Arma, coordinata dal procuratore di Tivoli Francesco Menditto, è senza indagati. «Vogliamo completare gli accertamenti prima di iscrivere qualcuno sul registro degli indagati», spiegano gli inquirenti che aggiungono: «Sono passate poco più di 24 ore e la dinamica è ancora al vaglio».

Certo è che – secondo quanto trapela – il 29enne che ha sparato sarà indagato nelle prossime ore con l’accusa di eccesso di legittima difesa o addirittura di tentato omicidio. Così come la sua vittima che sarà invece iscritta sul registro degli indagati con l’accusa di tentato furto aggravato.

Intanto il ragazzo si trova ora al reparto di terapia intensiva, ma sembra essere fuori pericolo. E ora al vaglio degli inquirenti ci sono i filmati della videosorveglianza esterna del policlinico Gemelli.

Articoli correlati

Back to top button