Cronaca

Maltempo: problemi in Emilia Romagna per l’esondazione del Savio, interrotta una linea ferroviaria

Il maltempo della notte scorsa ha creato non pochi problemi, soprattutto su tutto il lato adriatico dell‘Italia. Danni importanti in Emilia-Romagna a causa dell’esondazione del Savio. Danni si registrano anche in Puglia.

I danni del maltempo: l’esondazione del Savio

Danni del maltempo della notte scorsa in tutta Italia. I problemi maggiori però si sono registrati soprattutto in Emilia-Romagna dove il fiume Savio è esondato questa mattina alle 9.30. Il corso d’acqua che ha rotto i margini è nella provincia di Forlì-Cesena.

Chiusa la linea ferroviaria

La linea ferroviaria Bologna-Rimini tra Cesena e Forlì è stata interrotta, ha fatto sapere FS. La decisione è una forma precauzionale: il fiume Savio ha praticamente già sommerso un ponte e l’acqua è quasi giunta ai binari.

I danni nel bolognese

Problemi anche nella provincia di Bologna. Segnalate numerose frane e smottamenti di terreno. Nella notte è esondato il torrente Sillaro in un’area golenale nel territorio di Casalfiumanese, nell’imolese.

I danni in Puglia

Grandine, vento e pioggia anche in Puglia. Molti danni all’agricoltura nelle provincie e di Taranto e Bari. Come riporta la Cia Agricoltori Due Mari di Taranto-Brindisi, le zone maggiormente colpite sono quelle di Ginosa, Mottola e Castellaneta Marina, in provincia di Taranto, ma anche la Valle D’Itria e parte della provincia di Bari.

Spiega Vito Rubino, direttore provinciale di Cia Due Mari:

I danni sono ingenti soprattutto nel tarantino, dove la grandine – spiega Vito Rubino, direttore provinciale di Cia Due Mari – ha intaccato angurie, vigneti e melograni nell’area di Ginosa e Castellaneta. A Palagiano sono stati colpiti agrumeti e uliveti.

Il direttore di Cia Levante, Giuseppe Creanza:

Servirà attendere ancora qualche ora, ma anche stavolta purtroppo si prefigurano danni per centinaia di migliaia di euro. Nel barese, così come in provincia di Taranto, la grandine e le piogge torrenziali si sono abbattuti su orti e frutteti, ma anche e pesantemente sugli alberi di ulivo.

 

Articoli correlati

Back to top button