MusicaTv e Spettacoli

‘O mar for, la sigla di Mare Fuori: testo, traduzione e significato

O mar for, la sigla di Mare Fuori: testo, traduzione e significato. A partire dal 15 febbraio, è disponibile in streaming su RaiPlay, poi aggiunta al catalogo Rai, in prima serata, andando a conquistare il pubblico di qualsiasi età.

‘O mar for: la sigla di Mare Fuori, il testo

Appicc n’ata sigarett
Allà c sta mammà ch chiagn e nun da rett
Cu sta fatic mo c’accattamm pur a Regg e Casert
So crisciut miezz a vie, o sacc chell che m’aspett
Nu guaglion ro sistema, mo vo sistemà tutt cos
Miezz a vie e megl a ten e fierr o a vennr e ros
Patm sta carcerat, so l’omm e cas
Lievc e man a cuoll ca chill m’è frat
E m fa mal o cor o sai pur tu (pur tu)
Non c vac a scol, no, ma nun ca vac chiù
M’acchiappn a Gaiol cu nu chil e fumm
Mar mo sta for, nun m pozz vere chiù
Nun te preoccupa’ guaglio, c sta o mar for
C sta o mar for, c sta o mar for
Aret e sbarr, sott o ciel c sta o mar for
C sta o mar for, c sta o mar for

Nun te preoccupa’ guaglio, c sta o mar for
C sta o mar for, c sta o mar for
Aret e sbarr, sott o ciel c sta o mar for
C sta o mar for, c sta o mar for
Continua a leggere dopo la pubblicità
Ricn ca mill culur
Agg vist’o sul o grig (nanananana)
Nto cortil e guaglion
S fann n’ata strisc
Tutt e juorn ugual vogl asci (vogl asci)
O mor ca dint o mor acciso

A cap m fa mal, n’arriv a capì
Si so nat cca, qual è a colpa mia?
Mann mis o fierr n’man e mann itt “spar”
Napl a ca dind par assai luntana
Tutt e juorn pens “c’agg fatt e mal?”
Tutt e juorn, tutt e juorn pens’o mar (pens’o mar)
Nun te preoccupa’ guaglio, c sta o mar for
C sta o mar for, c sta o mar for
Aret e sbarr, sott o ciel c sta o mar for
C sta o mar for, c sta o mar for
Nun te preoccupa’ guaglio, c sta o mar for

C sta o mar for, c sta o mar for
Aret e sbarr, sott o ciel c sta o mar for
C sta o mar for, c sta o mar for
Nun te preoccupa’ guaglio, c sta o mar for
C sta o mar for, c sta o mar for
Aret e sbarr, sott o ciel c sta o mar for
C sta o mar for, c sta o mar for
Nun te preoccupa’ guaglio, c sta o mar for
C sta o mar for, c sta o mar for

La traduzione e il significato

Accendi un’altra sigaretta
La c’è mamma che piange ma lasciare perdere
con questo lavoro ci compriamo pure la Reggia di Caserta
Sono cresciuto per strada, so quello che mi aspetta,
Un ragazzo del sistema ora vuole sistemare tutto
Per la strada è meglio avere una pistola o vendere le rose?
Mio padre è in carcere, sono l’uomo di casa
Nu guaglion ro sistema, mo vo sistemà tutt cos
Togligli le mani da dosso perché quello è come un fratello
E mi fa male il cuore, lo sai anche tu
Non ci vado a scuola, no, non ci vado più
Mi catturarono alla Gaiola* con un chilo di fumo
Il mare ora è fuori, non lo posso vedere più
Non preoccuparti, ragazzo, c’è il mare fuori
c’è il mare fuori, c’è il mare fuori
Dietro le sbarre, sotto il cielo c’è il mare fuori
c’è il mare fuori, c’è il mare fuori

Non preoccuparti, ragazzo, c’è il mare fuori
c’è il mare fuori, c’è il mare fuori
Dietro le sbarre, sotto il cielo c’è il mare fuori
c’è il mare fuori, c’è il mare fuori
Continua a leggere dopo la pubblicità
Parlano di mille colori**
ma ho visto solo il grigio
Nel cortile i ragazzi si fanno
un’altra striscia
Tutti i giorni sono uguali, voglio uscire
O muoio qui dentro, o muoio ucciso
Mi fa male la testa, non capisci
Se sono nato qui, qual è la mia colpa?
Mi hanno messo una pistola in mano e mi hanno detto “Spara”
Napoli qui dentro sembra molto lontana
Tutti i giorni penso “Cosa ho fatto di male?”
Tutti i giorni, tutti i giorni penso al mare
Non preoccuparti, ragazzo, c’è il mare fuori
c’è il mare fuori, c’è il mare fuori
Dietro le sbarre, sotto il cielo c’è il mare fuori
c’è il mare fuori, c’è il mare fuori

Non preoccuparti, ragazzo, c’è il mare fuori
c’è il mare fuori, c’è il mare fuori
Dietro le sbarre, sotto il cielo c’è il mare fuori
c’è il mare fuori, c’è il mare fuori
Continua a leggere dopo la pubblicità

Nel video ufficiale canta Matteo Paolillo, con la partecipazione speciale di Raiz, al pianoforte Gilda Buttà, al basso elettrico e chitarre Stefano Lentini, alla batteria Marco Rovinelli, con l’Orchestra Sinfonica Nazionale della RAI.

Le parole di Matteo Paolillo, il perché di questo titolo

Matteo Paolillo spiegò il perché di questo titolo: “Il mare fuori è la libertà fuori dalla prigionia, è la speranza di poter vedere quel mare senza le sbarre che gli fanno da contorno. Ascoltando questa canzone alcuni ragazzi mi hanno detto che hanno trovato la forza di affrontare i momenti più difficili in carcere. Per me è stato un grandissimo orgoglio, credo sia questo lo scopo dell’arte”.

Il testo della canzone rimanda al carcere giovanile in cui è ambientata la serie che, seppure il nome è inventato, rimanda a quello di Nisida. La canzone è cantata da Matteo Paolillo, che nella fiction interpreta un giovane detenuto del carcere minorile Edoardo.

Articoli correlati

Back to top button