Cronaca

L’Arpac bocca il mare di Licola e Minori: tuffi vietati dopo le analisi supplementari

Mare vietato a Minori e Licola: i dati rilevati dall'Arpac. A Minori gli ultimi prelievi effettuati hanno dato esiti sfavorevoli

Mare vietato Minori Licola: un divieto legato alle analisi supplementari effettuate dall’Arpac in quest’ultimo mese d’estate. L’ente regionale, stando alle ultime rilevazioni, ha “bocciato” due località, ovvero Licola nel Napoletano e Minori, in Costiera Amalfitana.

Mare vietato Minori Licola: lo stop dell’Arpac

Nel tratto denominato Minori nel comune di Minori, gli ultimi prelievi effettuati hanno dato esiti sfavorevoli. Per il tratto Lido di Licola, in cui il prelievo effettuato il 16 agosto ha dato esiti non conformi, i risultati dei prelievi supplementari effettuati ieri, 23 agosto, sono attesi per il 24 agosto.

“A fronte di un quadro complessivo delle acque di balneazione positivo e tendenzialmente stabilizzato a livello regionale – spiega il direttore generale Arpac Stefano Sorvinopermangono alcune criticità locali e transitorie che appaiono principalmente legate all’andamento delle precipitazioni e ad alcune perduranti difficoltà dei sistemi di gestione delle acque reflue in situazioni di troppo pieno”.

Mare balneabile tra Napoli e Salerno, Arpac: quadro positivo

Balneabilità confermata per quasi tutte le località delle province di Napoli e Salerno in cui l’Arpac ha effettuato prelievi e analisi di campioni d’acqua marina nelle scorse settimane. Lo ha comunicato l’Arpac (Agenzia Regionale Protezione Ambientale Campania).

Articoli correlati

Back to top button