Economia

Marketing a Risposta Diretta: sempre più vicino alle PMI

Il business online più moderno, che ambisce a essere competitivo, si alimenta di continui investimenti in pubblicità per attrarre nuovi clienti

Il business online più moderno, che ambisce a essere competitivo, si alimenta di continui investimenti in pubblicità per attrarre nuovi clienti, secondo una logica per cui la loro continuità è utile a mantenere le posizioni e la notorietà di brand raggiunte. Spesso, però, è difficile calcolare il ritorno economico che hanno tali investimenti, calcolo che, nella gestione imprenditoriale, è invece un momento fondamentale del management. In questo esercizio, il marketing a risposta diretta si propone per essere uno strumento fra i più efficaci.

Metodo pubblicitario impiegato su e-commerce, siti web, progetti social e adattabile a tutte le forme di business digitale, il marketing a risposta diretta misura le conseguenze economiche delle azioni pubblicitarie e commerciali intraprese. Una modalità di fare marketing interattivo, con una commistione di più strumenti che producono una risposta diretta e immediata fornita dall’utente stesso.

Basare la comunicazione aziendale sul marketing a risposta diretta porta una serie di vantaggi misurabili in breve tempo, fra cui la riduzione dei costi da destinare alla pubblicità, la computa dei nuovi clienti e il tipo di target a cui appartengono. Inoltre, genera costantemente un flusso di nuovi clienti, e costante è anche il lavoro pubblicitario che svolge, dal momento che il processo è automatico e automatizzato.

Alberto Tofani, founder dell’agenzia di marketing Tofani Dreams, sostiene addirittura che, quando i potenziali clienti iniziano a percepire il prodotto oggetto di business online come unico, come nel caso della differenza di qualità rispetto alle vaste proposte della concorrenza, il marketing a risposta diretta sta già agendo in maniera efficace, persino bypassando l’acquisto finale.

I vantaggi del marketing a risposta diretta

Indirizzare le proprie risorse economiche verso uno specifico target da raggiungere, consente di abbattere i costi della pubblicità in favore di un investimento ben mirato: le azioni di marketing a risposta diretta punteranno tutte verso quella categoria che appare interessata, evitando di sprecare risorse, energie e denaro.

La comunicazione si rivela più incisiva perché il numero di persone da contattare è ridotto: se una fetta di pubblico non è interessata al prodotto che l’agenzia sponsorizza (perché lontano dalle proprie abitudini di acquisto), non le si farà cambiare idea con la pubblicità.

A rendere basso l’investimento per la pubblicità sono anche alcuni mezzi di grande impatto utilizzati dal marketing a risposta diretta dai costi molto contenuti: un esempio sono le e-mail, strumento di e-mail marketing.

L’email marketing

Numerose statistiche del Content Marketing Institute dimostrano quanto l’email marketing sia ancora in grado di attecchire moltissimo sui consumatori, sebbene le tecnologie di marketing si sviluppino a vista d’occhio. Se sfruttate nel modo giusto, le e-mail sono un potente canale dalla grande rilevanza che riesce a raggiungere una enorme quantità di utenti.

Per promuovere il marketing dei contenuti, l’e-mail rappresenta uno dei primi tre canali di distribuzione più affidabili per i marketer B2C e B2B, come confermato anche nell’esperienza della Tofani Dreams. Preceduta solo dalle piattaforme dei social media – che si posizionano all’89% –, la posta elettronica è il canale di distribuzione preferito dall’87% dei marketer B2B. Segue, al terzo posto, l’utilizzo dei blog aziendali, con l’86% di preferenze. Nel caso degli esperti di marketing dei contenuti B2C, è il 79% a scegliere l’utilizzo delle email per distribuire i propri contenuti, al terzo posto dopo il 93% dei social media e l’85% dei blog aziendali.

L’email, inoltre, non ha un ruolo fondamentale solo nelle prime fasi di content marketing, ma contribuisce ad alimentare e convertire le vendite durante l’intero processo di vendita.

Grazie all’email marketing è anche possibile calcolare il tasso medio di conversione in vendite delle email generate, che non è sempre alto, ma bisogna considerare un aspetto importante. L’email marketing, a differenza delle altre piattaforme di marketing, non richiede un investimento economico alto; le vendite che genera sono spessp upsell o vendite ripetute da parte di clienti già fidelizzati. Un fattore significativo, se rapportato alle vendite di prima interazione.

A dimostrarlo, sono i numeri del ROI, il ritorno medio sull’investimento in email marketing, che calcola l’ammontare dei ricavi per ogni dollaro investito in una campagna di marketing: le statistiche parlano di un ROI di circa 42 dollari per ogni dollaro speso in email marketing nel 2019.

Un altro strumento in mano all’email marketing è l’automazione per gli ordini, che si traduce in vendite andate a buon fine (si parla di circa il 7% di vendite in più). Ne sono esempio:

  • le email di benvenuto, che nel 3,02% dei casi generano ordini e acquisti, oltre ad aumentare il tasso di apertura della mail;
  • le email di recupero del carrello abbandonato, con un tasso d’ordine del 2,35%, il recupero di oltre l’8% dei carrelli abbandonati e oltre il 4% di guadagni extra sulle vendite;
  • le automazioni di riattivazione dei clienti, con un tasso d’ordine medio del 2,13%.

La mail inviata al cliente, infatti, servirà da promemoria per compiere un’azione, che sia visitare la pagina web dell’azienda, effettuare un acquisto o completarne uno lasciato in sospeso. In questo senso, il marketing a risposta diretta si dimostra un modo costante per imprimere l’azienda nella memoria dei clienti, con effetti non solo sul commerciale, ma anche sull’impatto del brand.

Articoli correlati

Back to top button