Cronaca

Medico si spaccia per Mattarella per assunzione al Gemelli

“Pronta, sono il Presidente“, medico si spaccia per Sergio Mattarella per assicurarsi l’assunzione all’ospedale Gemelli: ora rischia il processo. Lo specialista, fingendosi il Capo dello Stato al telefono, ha raccomandato se stesso per ottenere il lavoro.

Medico finge di essere Sergio Mattarella per un’assunzione al Gemelli

Si finge il Presidente al telefono, per assicurarsi un posto al Policlinico Gemelli, al centro dell’inchiesta un urologo 56enne.

Il goffo piano è avvenuto tramite una serie di bizzarre telefonate sui cellulari dei vertici dell’ospedale. Prima l’annuncio da parte della presidenza e po la chiamata del finto Mattarella. Il sedicente presidente illustrava la situazione del “nipote”: “Un bravissimo medico, con un curriculum straordinario, si trova negli Stati Uniti e desidera tornare a casa”. A quel punto la risposta della richiesta del curriculum che arriva quasi immediatamente. Un susseguirsi di successi professionali, accademici e scientifici e professionali, tutti tra l’Italia e l’ester. Studi in California, master, abilitazione all’insegnamento anche in Oregon, centinaia di pubblicazioni, docenza all’estero e importanti esperienze in chirurgia robotica.

I giorni seguenti viene fissato anche un colloquio. Il medico si presenta, parla di sé e spiega di avere un master in gestione aziendare e consegna una lettera intestata falsamente alla Presidenza della Repubblica con la firma ovviamente di Mattarella.

Peccato che tutto dura giusto qualche giorno. Il dirigente si confronta con il primario e gli racconta dell’evento incredibile. Peccato che anche altri erano stati chiamati. Il sedicente presidente aveva sollecitato tanta gente all’interno dell’ospedale a fare pressioni. Così parte la chiamata al Quirinale e ovviamente parlando con Mattarella, non ne sa proprio nulla. Così il Gemelli decide di denunciare. Ora il medico rischia il processo.

Articoli correlati

Back to top button