Mentana contro Ricciardi (M5s): “Alla Camera intervento vergognoso”

mentana

“Un intervento vergognoso“ è il commento a caldo del giornalista Enrico Mentana contro l’intervento alla Camera del deputato del M5S Riccardo Ricciardi

“Un intervento vergognoso“ è il commento a caldo del giornalista Enrico Mentana contro l’intervento alla Camera del deputato del M5S Riccardo Ricciardi: “Vorrei dire all’onorevole Ricciardi che mai avevo ascoltato in un’aula parlamentare un intervento così squallido e vergognoso”. Parole forti quelle del direttore del tg di La7, giunte insieme alle polemiche.

L’affondo di Ricciardi alla Lombardia

Nella seduta parlamentare del 21 maggio, il deputato pentastellato Ricciardi ha tenuto un intervento dai toni ironici. Ha, infatti, esordito dicendo che il premier Conte avrebbe “sbagliato tutto” perché “ha tentato di salvare la vita e la salute dei cittadini italiani, affidandosi addirittura a scienziati e a medici“.

Così, il pentastellato si riferisce alle accuse di detrattori del governo. Poi ha proseguito con un attacco alla sanità della Regione Lombardia, la più colpita dalla pandemia: “Chi l’attacca propone il modello Lombardia. Lei, signor Presidente del Consiglio, doveva fare come Gallera, che in conferenza stampa si presentava puntuale, e annunciava un ospedale per il quale hanno speso 21 milioni per 25 pazienti“. Le proteste e i boati in Aula non si sono fermati. Il presidente della Camera, Roberto Fico, si è trovato costretto a sospendere la seduta.

Mentana contro Ricciardi (M5s)

Mentana, che non è noto per le simpatie verso il centrodestra, si è però schierato dalla parte della Lega e delle risposte di Giorgia Meloni (Fratelli d’Italia) e Riccardo Molinari (Lega). Per il giornalista, è squallido che il deputato Ricciardi “per colpire i suoi avversari identifica una regione martire con chi la amministra e bolla entrambi, arbitrariamente e con aperta soddisfazione, per il numero di morti“.

Mentana, infine, alza i toni della sua filippica: “Se non fosse un eletto le direi che è un coglione, ma temo di essere querelato, dagli incolpevoli testicoli“. Parole che in un’ora hanno suscitato oltre 16mila reazioni.



Era da tempo che il giornalista di La7, già noto per i toni poco pacati nell’agone social, non usava parole così dure per biasimare un politico.

TAG