Tv e Spettacoli

Mercoledì 2 si farà: Netflix conferma la seconda stagione

Dopo una serie di dubbi e un eventuale passaggio a Prime Video, ecco arrivare la conferma ufficiale

Mercoledì 2 si farà: Netflix conferma la seconda stagione. Dopo una serie di dubbi e un eventuale passaggio a Prime Video, ecco arrivare la conferma ufficiale. Tra l’altro non ci sarà nessun cambio di piattaforma, uscirà come al solito, su Netflix.

Mercoledì 2 si farà: la conferma di Netflix per la seconda stagione

Mercoledì tornerà per una seconda stagione: la notizia era da tanto aspettata, ma ora è stata ufficializzata attraverso un teaser e un comunicato. Sicuramente, prossimamente avremo anche maggiori informazioni proprio riguardanti la seconda stagione.

In un’intervista esclusiva su Tudum.com i creatori, showrunner e produttori esecutivi Alfred Gough e Miles Millar hanno dichiarato: ”È stato incredibile creare uno show che ha connesso persone da tutto il mondo. Siamo entusiasti di continuare il tortuoso viaggio di Mercoledì verso la seconda stagione. Non vediamo l’ora di tuffarci a capofitto in un’altra stagione ed esplorare il bizzarro e spettrale mondo di Nevermore. Dobbiamo solo assicurarci che Mercoledì non abbia svuotato prima la piscina”. 

La questione con Prime Video

Qualche giorno fa, l’Independent e altre testate avevano riportato che la seconda stagione di “Mercoledì” sarebbe stata rischio su Netflix. In effetti, nonostante i numeri molto elevati che ha riportato la prima stagione, non era stata annunciata ancora dalla piattaforma la seconda, come invece di solito accade poco dopo un grande successo.

Nei titoli di testa infatti si può chiaramente leggere che “Mercoledì” è prodotta da MGM. In molti, infatti si sono chiesti come mai fosse distribuita da Netflix e non da Prime Video, dato che da mesi ormai Amazon ha comprato la major. La risposta però è molto più semplice di quanto si possa pensare: l’accordo tra Netflix e MGM riguardava la stagione 1 dello show ed era stato stipulato prima della vendita di MGM. Tutto, però, sembra essere risolto, almeno per ora.

Articoli correlati

Back to top button