Scienza e Tecnologia

Meta, l’AI trasforma il testo in brevi video di alta qualità

Si sta utilizzando il sistema 'Make-A-Video', che per ora è in fase di sperimentazione

Meta, la casa madre di Facebook, lancia un nuovo sistema che trasforma i messaggi di testo in brevi video. Il nuovo sistema si chiama Make-A-Video e consentirà alle persone di dare informazioni di testo che poi vengono trasformate in brevi video di alta qualità con colori, personaggi e paesaggi.

Meta, l’AI trasforma il testo in brevi video di alta qualità

Si poggia sull’intelligenza artificiale generativa, una delle applicazioni emergenti nell’ambito dell’AI che si applica all’industria multimediale, all’arte e al design.

I video sono stati generati da un sistema di intelligenza artificiale creato dal nostro team di Meta – spiega Mark Zuckerberg in un post – Gli dai una descrizione testuale e crea un video per te. È un progresso sorprendente, è molto più difficile generare video rispetto alle foto perché oltre a generare correttamente ogni pixel, il sistema deve anche prevedere come cambieranno nel tempo. Make-A-Video risolve questo problema. Speriamo di avere una versione beta che più persone possano provare presto”.

La ricerca sull’AI generativa sta stimolando la creatività e sta offrendo alle persone strumenti per creare contenuti nuovi, in modo rapido e semplice“, aggiunge Meta. Make-A-Video segue l’annuncio fatto a inizio dell’anno di Make-A-Scene, un metodo di AI generativa multimodale che offre alle persone un maggiore controllo sui contenuti generati dall’AI.

Make-A-Scene

Con Make-A-Scene abbiamo dimostrato come le persone possono creare illustrazioni fotorealistiche e arte di qualità narrativa utilizzando parole, righe di testo e disegno a mano libera – conclude la casa madre di Facebook – Vogliamo ben ponderare come costruire nuovi sistemi di AI generativa come questo. Stiamo condividendo apertamente una ricerca con la community per ricevere un feedback, continueremo a perfezionare ed evolvere il nostro approccio a questa tecnologia emergente“.

Articoli correlati

Back to top button