Meteo

Meteo, ecco l’estate di San Martino: picchi di 25° in tutta Italia

Ecco l'estate di San Martino, protagonista indiscussa sull'Italia, con ben poche eccezioni, responsabile di temperature ben superiori alla media del periodo, con valori massimi che in alcuni angoli del Paese potrebbero addirittura toccare picchi prossimi ai 25°C

L’11 novembre è il giorno dell’estate di San Martino, protagonista indiscussa sull’Italia, con ben poche eccezioni, responsabile di temperature ben superiori alla media del periodo, con valori massimi che in alcuni angoli del Paese potrebbero addirittura toccare picchi prossimi ai 25°C. E’ questo lo scenario climatico attuale, ma che si prospetta anche nell’immediato futuro.

11 novembre: estate di San Martino

Per chi non lo sapesse, la leggenda di San Martino vuole che durante una notte molto fredda, Martino da Tours (poi San Martino) incontrò un povero e, per ripararlo dal gelo, gli donò metà del suo mantello. Poco dopo si imbatté in un altro uomo, ne ebbe compassione, e gli donò l’altra metà del mantello. Secondo alcune tradizioni, rimasto al freddo, Martino si sarebbe poi riscaldato con i raggi di caldo sole, comparso come per miracolo, all’improvviso.

E sarà proprio un caldo sole a riscaldare gran parte del nostro Paese. Ad appannaggio di questa fase climatica davvero poco consona alla stagione saranno soprattutto le regioni meridionali e parte di quelle centrali dove fino a gran parte del weekend, i termometri saliranno mediamente oltre i 20/21°C fino a toccare punte di 24/25 gradi nelle zone interne di Sardegna e Sicilia. Ma il sole scalderà gradevolmente anche i rilievi settentrionali, regalando un tepore quasi primaverile, specie nelle ore centrali del giorno.

Solamente sulle pianure del Nord e su alcuni tratti delle regioni tirreniche del Centro l’estate di San Martino risulterà un po’ meno invadente, a causa delle nebbie, delle nubi basse e di qualche nota instabile attesa nella giornata di giovedì. Ma anche su questi settori il clima risulterà mite, specie allorquando si solleveranno le nebbie, lasciando spazio all’irraggiamento solare.

Quando arriva il freddo?

Ma la domanda che ormai molti di noi si pongono è quando arriverà un po’ di freddo a riportare la stagione sui giusti binari. Ebbene, se per alcuni giorni resteremo (con certezza) ancora avvolti da un tepore anomalo, sul fronte del freddo l’incertezza regna sovrana. I centri di calcolo infatti non sono ancora in grado di proporci severi cambi di rotta.

A conti fatti, se tutto verrà confermato, non ci saranno veri e propri scossoni a brevissimo, anche se a partire da giovedì spifferi d’aria più fredda potranno lambire le regioni adriatiche e anche parte del Centro-Sud dove registreremo un contenuto calo termico.

Durante la prossima settimana poi, correnti più fredde in arrivo dai settori nord-orientali del continente europeo, potrebbero provocare una diminuzione un po’ più cospicua delle temperature su parte dell’Italia, in particolare sui settori orientali del Paese e al Sud.

Ma è solamente sul finire del mese che pare possibile una vera e propria svolta, uno sblocco da questa anomala situazione, grazie all’avvento di aria polare-marittima che dal Circolo Polare Artico potrebbe “staccarsi” e prendere la direzione del Mediterraneo.

Articoli correlati

Back to top button