Meteo

Addio estate? Non proprio: riecco Lucifero, afa e temperatura oltre i 40 gradi

Meteo, con Lucifero torna l'afa in questo inizio di settembre dopo qualche giorno di fresco in tutto il Paese

Torna l’afa in questo inizio di settembre. Nonostante le debolezze mostrate negli ultimi giorni, con piogge e temporali che hanno colpito molti angoli del nostro Paese, ecco che nel corso della settimana appena iniziata sole e temperature ben al di sopra delle medie stagionali torneranno ad espandersi con sempre maggiore vigore.

Meteo, torna l’afa in questo inizio di settembre

Antonio Sanò, direttore e fondatore del sito www.iLMeteo.it comunica che nella giornata odierna una profonda area di bassa pressione (ciclone) va approfondendosi tra la Penisola Iberica e le Isole Britanniche in pieno Oceano Atlantico, spostandosi poi verso le Isole Britanniche. Proprio a causa della circolazione ciclonica, con le correnti che ruotano in senso antiorario attorno al minimo depressionario, verrà richiamata verso il bacino del Mediterraneo aria molto calda di estrazione sub-tropicale continentale, proveniente direttamente dagli arroventati deserti di Marocco e Algeria.

La “cuspide” del promontorio anticiclonico africano, ovvero la sua estremità, si spingerà in direzione dell’Europa meridionale, con conseguenze anche sull’Italia. Ci attendiamo dunque una fase climatica dai connotati tipicamente estivi con tanto sole su buona parte del Paese e soprattutto più calda del normale; infatti, le masse d’aria in arrivo dal continente africano faranno schizzare le temperature fin verso i 36°C, specie al Centro-Sud e sulle due Isole maggiori (previsti fino a 40°C in Sicilia).

Un Lucifero settembrino

Sta per tornare il grande caldo con il redivivo anticiclone africano Lucifero e con temperature capaci di salire fino a sfiorare nuovamente i 40°C. Nonostante la fine di Agosto e questi primi giorni di Settembre siano trascorsi sotto un contesto più instabile e fresco per molte regioni italiane, l’anticiclone africano non hai smesso di osservare i movimenti atmosferici sullo scacchiere europeo, in attesa che si ripresentasse l’ennesima occasione per tornare a invadere l’area del Mediterraneo.

Articoli correlati

Back to top button