Meteo

Caldo, i 40 gradi sono la nuova normalità. Perché le ondate diventeranno sempre più estreme

Meteo, ecco perché in Italia fa sempre più caldo. I 40°C in Inghilterra o in Italia rischiano di diventare normalità

Perché in Italia fa sempre più caldo? A rispondere è Friederike Otto dell’Imperial College di Londra, tra i massimi esperti di ondate di calore che in una intervista al Corriere della Sera ha spiegato il perché del cambiamento climatico che ha portato l’Italia a vivere con “normalità” temperature oltre i quaranta gradi

“La fisica di base ci insegna che bruciando combustibili fossili i gas serra nell’atmosfera aumentano, il che provoca un rialzo della temperatura globale e ondate di calore più frequenti e calde. Un trend confermato dalle osservazioni meteorologiche del passato e dalle simulazioni con i modelli informatici” ha spiegato Otto.

Meteo, ecco perché in Italia fa sempre più caldo

Dunque, i 40°C in Inghilterra o in Italia rischiano di diventare normalità. “Si verificheranno più spesso, almeno finché il mondo non raggiungerà le emissioni zero nette di gas serra — dice Ben Clarke, ricercatore all’Università di Oxford —. I nostri nipoti affronteranno condizioni meteorologiche estreme con costi elevati in termine di salute, lavoro e ambiente. E risolvere il problema domani costerà molto di più”.

Considerazione a cui si aggiunge quella di Paola Mercogliano del Centro euro-Mediterraneo sul Cambiamento Climatico: “Senza l’implementazioni di misure di mitigazione rilevanti, che ci permettano di fermare l’innalzamento della temperatura a 1.5°C (attualmente siamo già a 1.1°C), il numero di decessi e di persone a rischio di stress da calore può raddoppiare o, nell’ipotesi di innalzamento a 3°C, addirittura triplicare, specie nel sud dell’Europa”.

I rischi per l’Italia

“La frequenza delle ondate di calore aumenterà entro il 2050 del 21% rispetto a quanto accaduto negli ultimi trent’anni, in uno scenario di innalzamento della temperatura di 1,5°C, del 35% a +2°C, e dell’80% a +4°C”. 

Articoli correlati

Back to top button