Gossip

Michele Bravi sogna di diventare padre: “Nel mio caso è complicato”

Michele Bravi sogna di diventare padre e parla dell’amore per il suo fidanzato in un’intervista al settimanale Oggi. Il giudice di Amici, infatti, si è aperto ai microfoni della rivista e ha raccontato un po’ di sé, dal passato complicato alla sua attuale relazione. Ecco cosa ha detto.

Michele Bravi sogna di diventare padre: “Nel mio caso è complicato”

Michele Bravi ha di certo passato un’adolescenza alquanto complicata, segnata dal soprannome “Michecca“, coniato per lui dai bulli. Tuttavia nell’intervista rilasciata al settimanale Oggi il giudice di Amici parla di tutto: lavoro, progetti e anche di amore. Quest’ultimo adesso vissuto pienamente accanto a un uomo che lo rende felice.

Sto con un ragazzo da due anni, è un po’ più grande di me. Una storia bella, finalmente. Un tempo mi facevo prendere da relazioni tossiche, fusionali. Credevo fosse colpa degli altri, ma il problema ero io. Ho capito che l’amore va coltivato con cura, come le camelie. Che se il mio uomo mi dicesse addio dovrei essere pronto a lasciarlo andare.

Adesso cresce anche il sogno di un figlio, ma per ora resta “un’idea ancora sfumata perché nel mio caso è complicato, significherebbe ricorrere all’adozione, alla maternità surrogata. Fino a poco tempo fa neanche mi passava per la mente, oggi è una domanda che mi faccio. E mi piace“.

L’uscita del suo nuovo album

Domani, 12 aprile, uscirà il suo ultimo disco Tu cosa vedi quando chiudi gli occhi dove duetta anche con Carla Bruni. Dalla vittoria a X Factor di dieci anni fa di strada ne ha fatta Michele Bravi, considerando che il suo primo disco non andò bene e gli dissero che la sua carriera era finita:

La discografia è un mondo brutale. Ero giovane, criticarono aspramente la mia musica e io lo vissi come stessero annientando me. Ora ho le spalle più larghe, ma, se sei un giovane artista, commenti così ti devastano. Da giudice, ad Amici, faccio sempre molta attenzione a come mi esprimo.

Tre anni fa, dopo l’ultimo disco, una crisi: “Ho avuto un blocco, m’inventavo mille scuse. Finché ho letto un libro, La via dell’artista. 12 settimane di esercizi creativi, il primo: calarsi in un lavoro mai svolto. Ho scelto il sarto, giravo col metro in mano e prendevo le misure a chiunque. Ho provato pure la settimana da asceta, testimonio che stare in ginocchio sui ceci fa un male cane. Ma ha funzionato: ho scritto tutto in un mese e mezzo“.

E a proposito della sua esperienza ad Amici, il cantante parla anche del suo rapporto con Maria De Filippi. “Le devo tutto, mi ha dato fiducia“, dice della conduttrice e autrice del talent show di Canale 5: “Quando parto con le mie paranoie assurde lei mi stoppa: ‘Meno ansia’. Così, secca“.

Articoli correlati

Pulsante per tornare all'inizio