Cronaca

Accendono un fuoco per riscaldarsi in una casa in ristrutturazione: morti intossicati a Milano

A dare l'allarme la moglie dell'uomo che non riusciva più a rintracciarli

Accendono un fuoco per riscaldarsi in una casa in ristrutturazione: zio e nipote 17enne morti intossicati in provincia di Milano. A dare l’allarme la moglie dell’uomo che non riusciva più a rintracciarli. Lo riporta LaRepubblica.

Milano, zio e nipote morti intossicati

Due persone, zio e nipote, sono morte intossicate nella notte a Rho a causa delle esalazioni di monossido. I due avrebbero, secondo quanto riportato, acceso un fuoco per riscaldarsi all’interno di un appartamento vuoto. La casa era in ristrutturazione.

Le vittime

Le vittime, entrambe di origine egiziane, avevano 43 e 17 anni. A lanciare l’allarme la moglie dell’uomo che non riusciva più a rintracciarli. Sul posto sono prontamente intervenuti i sanitari del 118, che hanno rinvenuto nella serata di ieri 15 dicembre i due corpi senza vita in una palazzina in via Ticino.

Il monossido di carbonio è stato sprigionato da un braciere che aveva acceso per scaldarsi. Zio e nipote stavano lavorando nel loro appartamento. Indagini in corso da parte delle forze dell’ordine presenti sul posto.

Articoli correlati

Back to top button