Cronaca

Tragedia a Milano, si tuffa nel laghetto per scappare dai carabinieri: 27enne muore annegato

Il 27enne si è gettato nel Laghetto artificiale del Parco Forlanini per scappare da una pattuglia di carabinieri

Tragedia a Milano dove un 27enne è morto annegato nel laghetto artificiale del Parco Forlanini dopo essersi tuffato per sfuggire ai carabinieri. Come riporta Fanpage.it, il 27enne si trovava con altri due giovani: tutti e tre si sono gettati in acqua, ma solo due sono riemersi. Nonostante il tempestivo intervento dei soccorsi, per l’uomo non c’è stato nulla da fare.

Milano: 27enne muore annegato nel laghetto artificiale del Parco Forlanini

Sulla base di quanto riferito dai carabinieri in una nota stampa, alle ore 11 di oggi in via delle Industrie Nord un’auto nera con a bordo tre persone non si è fermato allo stop di una pattuglia della stazione di Peschiera Borromeo. Da questo, è iniziato un inseguimento che è durato circa dieci minuti e per 15 chilometri. I tre sono infatti arrivati fino al parco Forlanini dove hanno abbandonato l’auto e hanno proseguito a piedi: si sono quindi lanciati nel lago con l’obiettivo di attraversarlo a nuoto per circa 150 metri e poi scappare.

Per il giovane non c’è stato nulla da fare

Quando i carabinieri sono arrivati sul posto, hanno notato che sulla riva opposta solo due di loro erano riemersi mentre il terzo stava andando a fondo non riuscendo – per cause ancora da accertare – ad attraversare il lago. I carabinieri hanno chiamato i soccorsi per salvare l’uomo mentre gli altri due sono fuggiti. I sommozzatori dei vigili del fuoco hanno recuperato il corpo alle 12.30, ma per il 27enne non c’era più nulla da fare. L’auto intanto è stata posta sotto sequestro e risulta intestata a un altro uomo con diversi precedenti penali.

Fonte: Fanpage.it

Articoli correlati

Back to top button