Cronaca

Lutto nel mondo del calcio: Mino Raiola è morto | La famiglia: “Ha lottato fino all’ultimo con tutte le sue forze”

Ad annunciarlo tramite un lungo post su Twitter la famiglia

Lutto nel mondo del calcio, Mino Raiola non ce l’ha fatta e , purtroppo, è morto oggi, sabato 30 aprile. Ad annunciarlo tramite un lungo post su Twitter la famiglia.

Mino Raiola è morto

Il noto procuratore è morto oggi all’Ospedale San Raffaele di Milano dopo aver lottato per mesi. Alla fine il suo cuore si è spento. Ad annunciarlo la famiglia tramite un post.

Chi è Raiola

Mino Raiola nasce a Nocera Inferiore, in provincia di Salerno, da una famiglia di Angri, il 4 novembre 1967. La sua famiglia emigra un anno dopo ad Haarlem, nei Paesi Bassi. Consegue la maturità classica e frequenta per due anni l’università, iscrivendosi alla facoltà di giurisprudenza.

Inizia a giocare a calcio nelle giovanili dell’Haarlem, ma smette all’età di diciotto anni. Nel 1987 diventa responsabile del settore giovanile della squadra. Da quell’anno, intraprende la carriera imprenditoriale, acquistando (e poi rivendendo) un ristorante della compagnia McDonald’s ed entrando nel consiglio degli imprenditori di Haarlem. Intanto diventa direttore sportivo dell’Haarlem.

Segue calciatori famosi

Diviene poi agente FIFA e abbandona le altre attività. Negli anni successivi tratta alcuni giocatori per il mercato italiano, come Michel Kreek, Marciano Vink e Pavel Nedvěd. Acquisisce notorietà grazie ai calciatori molto famosi da lui seguiti e alle trattative milionarie in cui è coinvolto curando gli interessi dei giocatori stessi.

Nell’estate del 2010 e nel corso del calciomercato invernale del 2011 agisce da mediatore nelle trattative che conducono Ibrahimović, Robinho, Mark van Bommel, Urby Emanuelson e Dídac Vilà al Milan e Mario Balotelli al Manchester City. Il 28 aprile 2022 viene ricoverato in gravi condizioni di salute presso l’Ospedale San Raffaele.

Articoli correlati

Back to top button